S.80

 

Occhi



Spogliata di tutto
ma non della tristezza che le annebbia gli occhi
occhi inariditi
annebbiati
persi
non allagano né dilagano questi occhi
perché arresi all’altalenare
a volte dolce
a volte violento
della vita
tra il buono ed il cattivo
tra il sole e l’oscurità
tra il dolce e l’amaro
tra la poesia e le parole d’addio.

La Scatola Verde



Ho messo tutto te dentro una scatola verde.
Come eri grande prima
ed ora quanto sei piccolo tutto stretto nella tua scatola verde.
Sono pronta a nasconderti
ma non a nascondermi.
Ti nasconderò per non pensarci più
ma ci penserò ancora
e allora anche io vorrò solo nascondermi
sotto una coperta senza fine
ed anche lì sotto mi ricorderò di te
e di quando eravamo in due
a nasconderci dietro a parole senza parole,
lenzuola
e canzoni che davano voce ai segreti
che si sussurrano nelle orecchie
con l’imbarazzo che rompe la voce
e fa crollare gli sguardi.
Non mi nasconderò
vivrò questo dolore fino a straziarlo
e diventerà la mia forza
la mia conquista
la mia libertà.
La libertà di seguire la mia luce e non la tua,
la libertà di amarmi e non amarti
la libertà di fare qualcosa per me e non per te.
E sono certa che lo sentirò
quando avrai trovato il modo di essere te stesso
in ogni luogo fuori e dentro te
lo sentirò
dentro quest’anima che ora non ti sente più
e ne sorriderò
e forse per quell’attimo tornerò ad amarti
come quando non mi conoscevi
ed io già amavo tutto di te.