S.87

 

Salmo 136 (la cicala)



Ho corso per tutto il perimetro di questa città
mentre i piedi si trasformavano nelle radici del
salice a cui ho appeso la mia cetra

Ho lavato questo male infernale ed intollerabile
nelle rive di un fiume che ora porta a riva
i cadaveri di coloro che credevo sovrani

Ho chiesto al mio oppressore la dolcezza di
parole cantate nel vento di primavera ma
la lingua si pietrificava nel suo palato di perle

Oggi ti dimentico,
oggi lascio cadere il tuo ricordo,
lo lascio scivolare sulle mura di Babilonia,

Beato chi ti renderà ciò che mi hai fatto,
chi afferrerà quel tuo microscopico cuore
e lo sbatterà contro la pietra gelida!

<Distruggete, distruggete anche le sue fondamenta>

La ballata del porto sepolto



Al porto fumavamo tabacco
come me le donne dei marinai
aspettavano le luci della lampare
squarciare la notte
il faro era vicino,
ad un sospiro di distanza,
un sonnifero mi cullava nella stanza
mentre parole fragili come gabbiani
invertivano le maree
e l’unico conforto uno scoglio aguzzo
su cui adagiavo le ossa nei pomeriggi
dorati di maggio
fumando tabacco al porto                                                                                                                                                                                                 come disgraziate amanti che                                                                                                                                                                                           mai più vedranno                                                                                                                                                                                                               i marinai 

                                   

riflessioni cinesi 14 p.m



你是我的疼痛家

我的尸体安息在诗中

 

tu sei la casa del mio dolore

il mio cadavere riposa nella poesia

Tritacarne



Sono carne amara
scaduta
la pelle è secca
marcisce

Divora l’anima mia
e tritala finché non diverrà
uno spiraglio d’agonia

Gesù Cristo sono io



sei la mia croce sei la mia croce sei la mia croce

sei la mia croce sei la mia croce sei la mia croce

sei la mia croce sei la mia croce sei la mia croce

sei la mia croce sei la mia croce sei la mia croce

sei la mia croce sei la mia croce sei la mia croce

sei la mia croce sei la mia croce sei la mia croce

sei la mia croce sei la mia croce sei la mia croce

sei la mia croce sei la mia croce sei la mia croce

sei la mia croce sei la mia croce sei la mia croce

sei la mia croce sei la mia croce sei la mia croce

sei la mia croce sei la mia croce sei la mia croce

sei la mia croce sei la mia croce sei la mia croce

sei la mia croce sei la mia croce sei la mia croce

sei la mia croce sei la mia croce sei la mia croce

sei la mia croce sei la mia croce sei la mia croce

sei la mia croce sei la mia croce sei la mia croce

sei la mia croce sei la mia croce sei la mia croce

sei la mia croce sei la mia croce sei la mia croce

sei la mia croce sei la mia croce sei la mia croce

primonovembre



Mi vestirò di parole

e domani,

domani,

potrò morire in pace



Svaniscono gli eccessi al cospetto del tuo

tempio -

sacro santuario macerato dalla malefica ferocia del tempo -

altari innalzati in nome della maledizione

famelica che divampa nelle viscere

 

seminando silenziosamente sassi nel mio spirito sussurro:

m’hai ucciso.

 

Ed amaramente risorgevo all’alba come

un’araba fenice ambisce all’argentea aeternitas

TU intessevi trame di morte e catrame,

crogiolandoti in certe immonde tragedie trasformavi la tristezza

nel trono che oggi

t’incorona

RE

 

REstavo

muta nel mio cumulo di carne urlante

divorando le parole che mi servivi a cena

condite con cicuta e crudele comicità

 

Ortiche crescono continuamente nel crepuscolo del cervello

m’hai ucciso, m’hai uccis, m’hai

 

THE WASTE LAND II



Il ricordo di ciò che fu

impedisce all’anima di dormire,

di tornare a sognare scarni

campi di grano essiccati

dal sole.

Se si potesse spegnere ogni meccanismo frenetico,

se si potesse fuggire dalla propria ombra riflessa

come una maledizione eterna

sul marciapiede.

Non potrò mai abbandonare

questo cumulo di ossa, sangue e fiori

 

La vita è gabbia.

THE WASTE LAND I



Un giorno capirò i tuoi silenzi

scoprirò a cosa pensi quando ti tormenti

mi farai bere dal calice della verità

la velleità della vita che va

mentre resto crocifissa ad un muro rovente di parole a metà

mi mostrerai l’orrore da una nuova prospettiva,

sanguina lentamente la nativa malinconia e

rimane inchiodata ad un brandello di

mare.

 

Farà sempre male, parlare.



Io, di me, farò una rivoluzione

 



Vuota esistenza

tu mi lanci in un mare di sangue

e, mentre affogo, una risata

sale al cielo come se fosse

incenso

 

Sí, sacrificami agli dei, sí

estirpami il cuore da queste radici

brucialo nei rovi

sale al cielo come se fosse

vento

 

Sorridi in rosso

mentre mi divori il fegato

GUARDA! Guarda che voragine

sale al cielo come se fosse

p i o g g i a

METEORITI



Fugaci meteoriti

di occhi che si scontrano

e si respingono nella notte

mentre corri fulmineo

ed io attendo su pietra

che il tuo essere

mi crolli addosso

come una valanga,

travolgendo i ricordi

giù dai pendii della mente

fino a rigettarli dallo stomaco

e vomitare la malinconia

che ad ogni ora del giorno

mi pesa sulla schiena

incurvandomi ogni osso

 

Sono solo un cumulo storto

(e la colpa è tua)