V.27

 



Annodati su una panchina fredda
instancabilmente ti fisso i capelli
minuziosamente mi scruti le mani
forse cerchi le tue risposte
sui miei palmi sudati
un cenno di consenso
fra la linea della felicità e quella del cuore
è quasi un altro giorno
tu mi baci
e diventa subito
domani.

Fragili ali membranose erano le tue



Tu sei stata per me
la puntura di una vespa
a cui il cibarsi è stato
vietato nell’età giovanile,
invidiato nell’età adulta.

Lei è stata per te
la puntura di una vespa
la cui rivalità era troppo forte
per le tue piccole ali membranose.

Tu sei stata per me
la puntura di una vespa:
affamata mi hai catturata
e io sono rimasta,
paralizzata.
E adesso posso dirlo
che forse non avresti voluto
essere questo
che forse avresti voluto
essere amata.

Non resta che una spina



Il mio nome è un fiore

tormentato dalla sete della tua voce.


 

Il mio nome era un fiore,

è appassito

quando hai deciso di non chiamarmi più.

Dolore essenziale



Farmi male è stato facile

per te,

come amarti

per me.

 

Non abbiamo potuto

farne a meno.

What you were



You were what

I saw in the black mirror

just a reflex

of my soul

as dark as

your bedroom

without lights on.

Giorni infiniti



Tu sei qui e sei anche lì.

Come il sole che è dappertutto.

La mia persona bipartita



Diviso in due

perchè la testa vive

da sola

se ne parte e tu

<<no, ti prego, resta>>

ma ti lascia

da solo

a cucire le ferite di

antichi dolori

mentre lei se la ride.

La mia persona bipartita

è una,

e una sola sarà.

 

Per sempre.

Amore miope



Ci sono cose che per me sono solo tue

e che se fossero anche di qualcun altro

io non vedrei che te

in qualcun altro

io non vedrei che un’imitazione

in qualcos’altro.

 

Ci sono cose che per me sono solo tue

ed è per questo che io,

le poesie in inglese la r aristocratica le pellicole il cibo cinese e le vans,

le vedo bene solo da vicino

A te.

 

Ci sono cose che per me sono solo tue

quelle che tutte le volte mi fanno

scordare il resto e

innamorare della rara unicità che

io vedo bene solo da vicino

A te.

La porta chiusa



Quei posti lontani sempre vicini

dove il giorno chiude le porte

e noi restiamo chiusi dentro

tutto scorre intorno a noi

solo tu ed io siamo immobili

forse per amore o per ignoranza

solo tu ed io siamo felici;

in quel momento stavamo guardando

il nostro futuro.

 

Se solo l’avessi capito prima

quei posti lontani sempre vicini

al cuore

ti avrei stretto più forte.