Per l’errore di tutte le cose.

Per le mani che possono annullare
rivolgere
rifare
e alla fine,
in mezzo agli occhi