Sublime,

la dolce essenza dell’attimo

che in un istante denso d’anima sfugge,

ansioso di tornare nel sangue da cui proviene.

Avvolge o scaccia,

arde o geme?