T’aspetterò sulle nuvole
le gambe incrociate
il naso nella panna.

E sarà un guardarsi
negli occhi
da nuvola a nuvola.
E lascio che sia il vento
a spostarle
vicino o lontane,
decida lui;
ma mai, e dico mai,
più in là dell’orizzonte.