Ho appeso le tue foto in camera.
Volevo che entrando
vedessi il requiem che recito la notte prima di dormire,
pregando davanti alle lapidi da un muro bianco interminabile,
santificando la tua morte perpetua e prematura
nelle giornate dove sei troppo lontana,
e in quelle che se anche vicina,
so che non ci sei.