D’amore e d’ombra
le tue labbra la mattina,
che mi baciano gli occhi ancor socchiusi,
e spingono nella ferita il coltello,
della battaglia della sera prima.