Cartonlegno

Passare ancora ore
a spiegarti l’universo,
le trasformazioni endogene tra cuori che si scontrano,
che non vanno più via.
E non sapere più che dire
sulle costellazioni che assomigliano a volti,
mentre calcolo la distanza da casa mia a casa tua con le stelle.
Ho costruito un astrolabio di carta, ma piove sempre
e non riesco mai a raggiungerti.