J.

Un giorno J. mi ha prestato il suo stetoscopio.
Ho cercato di scovare
il rumore dei tuoi passi,
dentro di me.
Ho invece trovato il tuo volto,
sotto le punte dei piedi.
Presumo fosse l’unico modo,
di schiacciarti.