Amore, fai presto.
Sono malinconica stasera
come i fiori sugli alberi in aprile,
un po’ fuori posto, fuori tempo.
Mettili da parte quei tuoi sorrisi
per quando avremo freddo
e niente con cui scaldarci
per quando dovremo combattere
contro i mulini a vento
e saremo troppo stanchi per stare svegli ancora.
Amore, fai presto
mi sono indebitata fino al collo
per metterti a parte delle mie paure
e adesso sto come quelli appesi a un filo
agganciati al cielo
che non so se ho più paura che si spezzi
o che non mi faccia scendere.
Adesso, fai presto, amore.
Vai piano. Andiamo da qualche parte,
andiamo al mare, andiamo via.
Vai piano però. Non arriviamo mai.
Mi piace solo star seduta qui con te,
con quel gancio appeso al cielo là lontano.