Temo

la squamosità

della mia pelle

che muta

con i raggi della luna.

Strappatemi

laceratemi

che restino solo

viscidi brandelli

pronti a saziare

cani famelici

e stomaci avidi.

 

Rinascerò

dalle putride fauci

di un fiore giallo.