Carichi
il tuo orologio a cucù
con quelle mani grandi
che poco mi hanno stretta
da bambina,
ma che ora
hai fuso
sul mio collo nudo.

Padre Crono
tu il mio tempo
tiranno
lo sai forgiare,
ma io non sarò ferro
né metallo
e farò volare
quell’usignolo meccanico
e sarò acqua e sarò
clessidra liquida

Io che il tempo                                                                  lo misuro                                                              contando le onde.