Sfiorisci!

L’ultimo giorno d’estate, anancasmi
e la tua voce roca che continua
a scorticare le croste.
Erpice d’encefalo
negli ettari del mio squilibrio.