VI.

Sono giunto alla cima,
la scalata è terminata.
Devo saltare, ho poco tempo
per godermi l’orizzonte.

Un’estate isolata.

L’unione col vento mi porterà altrove,
lontano,
disegnandomi dietro una fila di lacrime,
lanciate nel domani,
frammenti di passato.