XI.

I tuoi occhi umidi mi aprono,

mi sfogliano, mi sezionano.

La tua voce così soave

e il tuo savoir-faire da signora

mal s’intonano con le mie mancanze.

Saperti soffrire mi uccide.