XVII.

L’annichilimento del tempo.
Non mi ha mai fatto paura,
quando mi parlavi di convivenze improbabili e
viaggi in mongolfiera.

Ora, che l’età del faremo è fioca,
vivo condizionato da un presente poco calzante,
circondato da schemi razionali e operazioni di rettifica.

Ciò che mi manca,
è il fare spensierato
con i cui i tuoi occhi scattanti
guardavano oltre il nostro essere,
proiettati in un non so dove.
Dell’Universo.