XXIV.

I nostri incontri
sono lampi d’ossigeno oramai.
Il mare del mio presente
arpiona le mie gambe
trascinandomi verso il fondo.
Lotto la corrente
per riaffiorare e
vederti. Anche per un secondo.
Un’ultima volta.