XXXIV.

Posi la tempia sul mio petto,
serrando le palpebre,
così leggera come cotone,
vuote dai pensieri.

Potresti schiacciarmi,
mi ritengo pronto,
sotto il loro peso,
ad essere il tuo Atlante
e sorreggere il tuo odore.