Ode al Tempo

Oh mio Tempo, ove stia tu fuggendo?
In cor bramo che cader tu possa
o da la fatica il fiato richiamar
invano, o capitar errando a quel
paese. In nom de l’omo tutto,
sofferente al lesto tuo passar,
speranza ripon ne l’etterna noia.