Ode alle rondini

Oh picciol rondine, soave è l’volo tuo
e la tua danza. Coll’occhi mezzi chiusi
m’affaccio a l’primo lume, che ciel par
tuo teatro. Passado sovr’i capi,
segni de l’viaggo il corso, e mi desti
coi mattinieri canti, tal se volessi
dormentar tutt’ora. O forse ‘l son tuo
è dei bambin la nenia e l’dì quel’che
si sogna? Sei odor di gelsomino,
bombar del l’api, rimpatrio di farfalle
ch’anche ‘lor nero diven colore.
Oh picciol rondine, ogne dì rimembri
come tanto lieve e dolce sì la vita.