Atlante

Nelle isole remote e nelle sorgenti più fredde,                                                                                                                                                              esploro la mappa dei tuoi nei.

Se il mondo non fosse già stato tutto scoperto, creerei un tragitto per percorrerti.  Mi concentrerei sull’essenziale: isolerei le varie realtà che conosco, le relegherei ad una qualunque finzione. Perché la mappatura dei tuoi nei è uno scenario fantastico, e quando la seguo con gli occhi, io, davvero, non so come tu possa contenere un disegno tanto spazioso addosso. Tratteggerei una carta geografica io stessa per provare a spiegare al mondo come ti vedo io, ma non ti sarebbe coerente. Situerei a largo il rancore che provo per te, quello di cui non ti ho mai messo al corrente. Arginerei gli arcipelaghi del dubbio ed incaricherei esploratori esperti di raccogliere coraggio, bambù, il verde dei fichi, il colore montagna bruna dei tuoi occhi. Che poi sono anche foglie di cielo e arcate di pietra antica. E questo perchè hai un colore tutto tuo, frutto di tutto questo mischiarsi.                                                                                                                                        Ti mischieresti con me?                                                                                                                                                                                                        Col mio colore muschio vivo,                                                                                                                                                                                                con le mie domande incessanti,                                                                                                                                                                                            coi miei giardini sconfinati?

Se mai tu acconsentissi a mischiarci, per la gioia, colonizzerei il cielo di pesci, l’acqua di umani con apposite branchie per percepire meraviglia, anche solo una particella di quella che io percepisco tua.

La cartografia tutta è stupefatta dalla mappa dei tuoi nei:                                                                                                                                l’atlante è, con te, raccolta di poesia e prose sparse, l’atlante è teatro del mondo,                                                                                                e la mappa dei tuoi nei è quell’isola remota in tutti i miei desideri.