Elisa

Devi essere uscita da una qualche canzone
di De Gregori o dei Baustelle
che parla di matematica e di primavere troppo lontane
di amore e malinconica leggerezza
o di una strana e incessante guerra
fatta di sguardi
combattuta nei grigi corridoi
di una piccola università di provincia