Brezza Leggera

Vuoto con gambe fatte di orologio
Guardo il letto che piange, non so farlo smettere!
Un ingranaggio rotto forse è poco
Gambe mie, non so più farvi accendere.

Era semplice ballare, sono un uomo generoso
Ma ho lo stomaco indurito,
e il linguaggio un po’ peloso.
Senza tempo ho perso ritmo
La lancetta finita chissà dove
ma come sempre risorgo un po’ più in là,
altrove.

Dal carro armato ora sono sceso,
in leggerezza
Non so cosa dire, allora scrivo,
Quando so di che parlare allora bevo!
Che l’argomento mi sfugga dalle dita nella brezza,
senza peso, senza peso…