Scherzo n.2: In Verdi

Bella mia, bella mia
Tante lettere e conoscenza grezza
nella tua testa entrano
con una promessa,
Bella mia, bella mia
La vita che ti è stata chiesta
da istituzioni ad un’ udienza
non è abbastanza da servire alla tua mensa
Bella mia, bella mia
Ti guardo lì seduta mentre
lanci sguardi di pesantezza, sposti capelli
e fai spazio alla luce da te emessa
Bella mia, bella mia
Finito il capitolo con garbo verrò a prenderti per accompagnarti
dolcemente passo a passo lungo fiumi grigi,
lontano dai pianti della tua mente, dai fogli ligi
Bella mia, bella mia
In aula studio uno qualunque è arrivato
prima di me
E ti ha portata via!