Qualcuno tende l’orecchio

Quando ho conosciuto te

ho perso l’abitudine di scrivere.

Angosciata dal peso delle parole,

aguzze lame pronte a ferirti,

ho posato la penna e

ritagliato versi altrui

per dare voce ai miei pensieri.

-

Adesso le mie dita hanno ricominciato a fremere,

un fiume di parole preme sulle mie labbra

come su una diga che già stenta a trattenerlo.

Qualcuno tende l’orecchio.

È giunto il momento di smetterla di censurarmi.