INGANNO

Mi hai regalato

Un bouquet di peonie sintetiche

Gialle come il mattino

Mi hai vezzeggiato

Con serrate carezze asfittiche

Rassicuranti come semolino

Mi hai attirato

Con puntuali occhiate cliniche

Sconcertanti come il destino

Mi hai baciato

Con voraci labbra anemiche

Soffici come budino

Mi hai ingannato

Con promesse vuote e bulimiche

Sillogismi da un indovino

Mi hai scaricato

Con frasi brevi ed ermetiche

Nell’attesa di un altro postino