Cos’altro vuoi

Che ho addosso un passato incerto
appassito nel cerchio
del giusto passo.

Cos’altro ti serve

Che scatafascio il mondo
che prego
ti stendo
e grido.
Che non ho mani e lingua da darti
solo vorrei indietro le mie orecchie
per ancora ascoltarti.