Migrazioni retoriche

Io, l’anima ti immerge come un anacoluto.

Metonimia, per allegoria non mi svuoti di cieli,

ma un falso eufemismo รจ versificarti senza spigoli.

Senza perifrasi, ti lascio immigrare sul panorama

dei miei sguardi crollati.