mia prima

cosa sono?

fredda, incandescente

discendente, nell’abisso

mio profondo

un raggio, folgore di cristallo

luce che accarezza

il bordo dell’oblio scruto

con occhio aquilino osservo

spettro amico

si può essere?