Libro degli ospiti


 Nome *
 Indirizzo Email
 Sito Web
 Testo *
* Obbligatorio

Misura Antispam
Per inserire un nuovo messaggio è indispensabile trascrivere il codice di sicurezza, rispettando la combinazione (lettere e numeri).
9 + 9=

(3052)
>
(3052) incaxxato marcio
0

""Il Movimento per l’Emancipazione della Poesia, fondato a Firenze nel marzo 2010, è un movimento artistico che persegue lo scopo di infondere nuovamente nelle persone interesse e rispetto per la poesia intesa nelle sue differenti forme."" E pensate di ottenere questo obiettivo attaccando pagine sui muri ??? manica di imbecilli ecco cosa siete!

(3051)
0

Per quanto ci si provi non riesci mai
ad abituarti ad una mancanza

(3050)
0

É tutta una questione di abitudine

(3049) Rossella Pia
0
url  email

Tutto accade per Benedizione.

(3048) Caterina Coltrinari
0
url  email

C’è il vento che sa di pioggia e la pioggia che sa di fine
Non è prevista
Ma ci sono i tuoni in lontananza
Non sai quando realmente pioverà
Ne quanta ne farà
Così rimani nel limbo delle quotidianità
Che ti cullano quanto ti uccidono
Come le gocce che battono sulla finestra che rilassano quanto squarciano dentro

(3047) Caterina Coltrinari
0
url  email

da quando non mi porti più in stazione
ho meno voglia di partire
vorrei restare così
chiusa nella mia chioccia
come una lumaca .
lentamente sopprimere qualsiasi pensiero
nascondermi
perché quando sguscio fuori tutto mi sembra uguale
ogni cosa sembra assomigliarti
ma niente mi appaga
perché non ce chioccia senza te
e non c’è un treno degno di essere preso se non ci sei tu a baciarmi prima .

(3046) Giulia F.
0
email

Come dice la scritta sul finestrino della tua auto,
posto anteriore,
lato del passeggero.
Che in realtà io di passaggio tanto non sono.
Ci ho messo la firma,
G puntato,
ci ho alitato un po’ sopra perché si fissasse lì, perché restasse.
C’è il cuore e ci sono i capelli incontenibili e gli squilibri e i sorrisi nascosti.
Ma tu porti via anche il freddo, tu mi fai bene.
E allora ti ripeto
la mia scritta
sul finestrino
del mio posto
vicino al tuo.

(3045) Giada
0

Ed inizio a fumare
Come flebile
Ricordo
Del sapore delle tue labbra
Tra le mie


Tre sigarette
Che scambino
I trecento baci
Che non ti darò più,
Amore mio
C+J

(3044) Martina Bortone
0
email

Un giorno

L'alba;
il tramonto;
un giorno di sole, i raggi che ti accarezzano il viso;
un giorno di pioggia, le gocce che cadono sugli occhi;
un giorno di vento, l'aria che ti porta via;
un giorno di mare, l'acqua che ti rinfresca;
la brezza estiva;
l'odore dei fiori;
la luce del fulmine;
il rumore delle onde;
un giorno di nuvole, il cielo che ti copre;
un giorno in tempesta, i tuoni che ti prendono;
un giorno in montagna, il freddo che ti penetra;
un giorno di neve, i fiocchi che ti circondano;
la nebbia;
l'odore del mare;
il vento in faccia;
la pioggia battente;

stupore e meraviglia:
un giorno capirai.

(3043) Emanuele
0
email

Sono alla continua ricerca di solitudine
e cado nell'impeto della gioia.
Guardo nello specchio chi sono
e dopo poche ore capisco che il tempo è cambiato.
Sono solo dentro il riflesso
e penso che non dovete aspettarmi
perché ho capito come cambiare il tempo.


(3042)
0

Buona notte pulce

(3041) Vivere
0

Spero un giorno
Di guardarti
E non desiderare nient’altro

(3040) Rabin Samidon
0
email

Sparami un colpo al cuore
Finché batte, finché vive.
Spaccalo con violenza,
Minalo di inganni,
È già un campo di battaglia
In cui batto in ritirata,
Sognando di trionfare
Un giorno.
Frastornato dagli scoppi
Dei tuoi timidi baci di Giuda,
Vago mutilato
Nel tramontare dei ricordi.
A che serve voltarsi?
A che serve gemere?

(3039) Dario
0
email

Cos'altro è questo, se non l'inferno
in landa, d'antico orgoglio, ormai immersa
in un cumulo d'ossa
e putride carcasse?
Cosa sei tu, egemone dell'interno?
Che Giustizia ti salvi in terra persa,
invece d'ambir tu all'antica fossa.

Rammenti i Latini, ricchi di vigor,
mostruosi elmi e aurei ferri?
Grandiosi erano, ma di punico odio
e di brama erano colmi di podio.
Ecco, chi manca d'onor
d'oltre Reno quei ladri,
seppur l'un considerava altro socio.

Anche noi, in fausti tempi,
da eterno Mal siam stati trascinati
da Africa a Iudea, come me ne pento
e il medesmo error stiam ripetendo!
Tutti udite, capi empi!
L'Olocausto dov'è, se non nei mari?
O almen mi pare qua stia avvenendo.

Mediterraneo, sede di viaggi,
ora soltanto portator di morte,
curiosità hai spinto,
e or di sangue sei intinto.
Oh, di Sol per i raggi
le tue lacrime son delle porte,
tu che Odisseo da Itaca hai respinto!

Non solo il bel mare, ma anche le strade
macchiate si son d'inumane gesta,
tant'è che mi cagion nello vedere
Nova Roma in questo modo cadere.
Qui regnano i signori Tanato e Ade,
con diabolica festa,
apocalisse di fiamme e bufere.

Odo gl'Etna, Vesuvio,
Stromboli silenti
ira repressa fumar,
e gl'Alpi e Appennini cadendo spirar.
La gente s'uccide per danar spiccio,
pistole e dialetto, invero violenti,
bombe in asfalto, così devon pagar.

Ecco le ellene Calabria e Sicilia,
dilette figlie di mitica Grecia,
ormai spoglie ne' bei corpi di himatia
colle tria sore Puglia e Campania
e Basilicata, e i giovani patria
petrosa han da abbandonar, grande gabbia,
antichi cimeli in mezzo a la baia.

Ti supplico, non lasciar affatto
ch'Italia 'sì soccomba,
o avrai nella coscienza la sua tomba.

(3038) Io
0

Queste sono le giornate dove la nostalgia mi prende
Mi porta in un'altra dimensione
Sento il petto stringersi
Un macigno sul petto
(nello stesso punto dove ti accarezzavo sempre)

Le giornate di sole,
o le giornate di pioggia,
quali sono le peggiori?
La nostalgia è così tanta,
La tristezza ad essa collegata,
Che non capisco neanche più per cosa siano

(3037)
0

Ci sono profumi che inevitabilmente portano a te,
E lo faranno per sempre

(3036)
0

Eppure sto ancora lottando.

Una persona che ama non mollerà mai, è questa la verità.
Una persona che ama, spera.
Se speri, lotti.
Perché la speranza ti porta a lottare, è questa la realtà.
Che poi come dice il detto, chi lotta può vincere, chi non lotta ha già perso.
A me sanguinano le mani eppure sto ancora lottando.

(3035) Carlotta
0

È così vago il pensiero
Chiuso dentro queste mura
Fredde.
Vedo gli attimi passare
Come fiori appassiti
Vuoti.
Sento richieste di aiuto
Per una vita involata al vento.
Tocco il letto inciso dal peso
Di chi non è più.

(3034) Un senso
0

Perché dare un senso a tutto
quando tutto un senso non ce l'ha?


(3033) E se
0

Ma siamo davvero destinati a qualcuno?
E se fossimo destinati a nessuno? Che senso avrebbe tutto questo rincorrersi, cercarsi, arrabbiarsi?

>