Libro degli ospiti


 Nome *
 Indirizzo Email
 Sito Web
 Testo *
* Obbligatorio

Misura Antispam
Per inserire un nuovo messaggio è indispensabile trascrivere il codice di sicurezza, rispettando la combinazione (lettere e numeri).
7 + 7=

(3052)
(1732) Elena
0

Me lo hai dimostrato proprio tu
La felicità non è una truffa

(1731) Chiara
0

Ci rincontreremo, lo so,
Me lo hai promesso.
Ed io aspetterò quel giorno,
Come da bambini si aspetta il Natale,


(1730) D
0
email

Le courage de vivre dans une bulle

(1729) S.09
0


Ti amo,
Ti vedo anche quando non ci sei,
Ti penso anche quando dormo,
Mi immagino, in continuazione, con te il mio mondo,
il mio restar della vita,
ma agosto sembra ancor più freddo di dicembre,
capisco che il freddo è solo perché
qui vicino a me
non ci sei te.

(1728) G
0

Lo spazio che ci separa
è relativo alla metrica
di questa prova
di scrivere una poesia lontana
o troppo vicina
tale che non si riesce a percepirla

(1727) E
0
email

Non riesco più
a chiudere gli occhi
e sprofondare
tra le braccia della notte.
Quelle mi scuotono
tenendomi sveglia.
Nella mia mente regna il caos.
E la penna scorre
veloce sul bianco della pagina.
Ma niente ha più senso ormai.
E la cosa peggiore
non posso trovare conforto
nelle tue parole
ormai sbiadite
ormai lontane.

(1726) G
0

Sei un bel film
da vedere e rivedere

(1725) G
0
email

Vorrei scalare il tuo corpo
con baci caldi
per sciogliere il ghiaccio
del tuo cuore

(1724) A.12
0

Ciò che è segreto
ha la massima passione.

(1723) luis andrew
0

Intrappolato,
non sono riuscito
a liberarmi,
da questa ragnatela,
obligato,
a seguire la linea del tempo...
non avevo considerato
il secondo ragno,
che mi ha strappato e portato via
che male quello schiaffo.

(1722) Riki meth
0

ho preso una strada sbagliata
la rabbia era il mio destriero,l'orgoglio la mia torcia
mi sono perso in una grande tristezza
conscio che non ci fosse alcuna meta
che la mia autodostruzione
ora che da questo labirinto cerco di uscire
capisco quanto fosse stato idiota partire


(1721) Mymun
0

Eravamo sguardi,
penetranti il fumo
e la nebbia.
Ora cosa siamo?
Intanto, seguo il fumo
di questa sigaretta,
Mi porterà a te?
Nessuno lo sa.


(1720) melvin
0

suonano le campane,
le canzoni del natale,
la gente ne approfitta per provare addolcirsi,
dove sei tu?
la tredicesima,
il capodanno,
il cenone
non ci sei tu
i discorsi
le promesse
gli impegni
oramai non ti penso più
finalmente
libero da te




(1719) Frango
0
email

Chi ha assaporato l’amore
sostiene che esso abbia
il sapore delle rose,
delle fragole fresche..
Io invece,
non riesco a togliermi
questo sapore di gesso
dalla bocca.

(1718) Lello
0

Ricordi sbiaditi

Ho di te ricordi sbiaditi
mi piace (ancora) come vai in bici,
come passeggi,
come cammini.
E presto
ti rivedrò
nuovamente, in quel prato
di margheritine bianche e
garofani rossi.

(1717) Nelly
0

Suscito,
Dalla tua immagine suscito
Alcuni brividi
C'è un immensa tenerezza
Non d'amica, ma d'amante
Nelle belle carezze
Religiosamente sospirate
In un dolce accento
Che sfugge dalla bocca tua,
Resupina
Sei la maga
Che mi mostra nella mano
Già l'impossibile felicità
Convulso, sterile amore
Più sacro d'una reliquia
Serberò negli anni il tuo
Ricordo
Se avessi potuto rimanere
Vicino a te
Avrei conosciuto
L'immenso mistero.

(1716) Gio Loreley
0
email

Eravamo occhi.
Ora orbite
E ricordi.

(1715) J
0
email

Amo quando l'amore mi pervade

Quando immersa da testa a piedi nell'acqua fredda ma accogliente del mare,
mi sento piena, finalmente a casa.
Amo l'effetto che la vita mi fa,
adoro sentire le scorze rugose, resinose ma profumate, di una quercia
il rumore ciottoloso dei sassi sotto alle scarpe
riempirmi le iridi dei colori puri del cielo,
perdermi a cercar la luna, o cercar la luna per perdermi..

Mi smuove

E' folle? Primitivo?
Forse per me è amore (che dopotutto, sia folle che primitivo è)

Perchè quando amo, mi sento così
Completa, smossa, a casa


(1714) J
0


Amo quando l'amore mi pervade

Quando immersa da testa a piedi nell'acqua fredda ma accogliente del mare,
mi sento piena, finalmente a casa.
Amo l'effetto che la vita mi fa,
adoro sentire le scorze rugose, resinose ma profumate, di una quercia
il rumore ciottoloso dei sassi sotto alle scarpe
riempirmi le iridi dei colori puri del cielo,
perdermi a cercar la luna, o cercar la luna per perdermi..

Mi smuove

E' folle? Primitivo?
Forse per me è amore (che dopotutto, sia folle che primitivo è)

Perchè quando amo, mi sento così
Completa, smossa, a casa

(1713) P
0

Come un dejavù
Che si ripete