Libro degli ospiti


 Nome *
 Indirizzo Email
 Sito Web
 Testo *
* Obbligatorio

Misura Antispam
Per inserire un nuovo messaggio è indispensabile trascrivere il codice di sicurezza, rispettando la combinazione (lettere e numeri).
5 + 8=

(3052)
(1492) O well
0

In questa nuova repubblica
non devi pilotare ma lasciarti pilotare

(1491) Ak
0
email

A Noi

È per Noi questa vita.
Noi che ci guardiamo fissi attraverso il vetro di un autobus
Noi che ci rincorriamo e poi scappiamo l'uno dall'altro
Noi che ci amiamo e odiamo tutto di Noi
A Noi
È per Noi questa vita.


(1490) O well
0

Lo sai che per sparare
bisogna vedere il giusto bersaglio
se tocchi gli intoccabili
cado a terra e mi spiaccico
sul pavimento duro e freddo
e nemmeno quella
luce sul tetto potrà farmi vedere
la quarta dimensione
1984


(1489) Ak
0
email

Ho viaggiato.
Ho visto cose che non potrai mai immaginare
Lo sai che d'inverno le grandi cascate diventano muri di ghiaccio infinito?
Lo sai che in alcuni posti la sabbia é bianca come un foglio mai usato?
Lo sai che esistono creature di cui i libri ignorano l'esistenza?
Lo sai che c'è un posto dove il sole e la luna quasi si incontrano?
Ho immaginato.
Ho immaginato mentre mi vedevo guardare queste cose.
Sono belle.
Ma sarebbero state ancora più belle con te al mio fianco.
Continuo a viaggiare
eppure lo so
Ho bisogno di te
per il viaggio più bello.


(1488) Ak
0
email

È in questi momenti
di incessante lentezza
che avrei bisogno di te
sempre
e comunque


(1487) Ak
0

Noi
come dei soldati che scendono in campo
disarmati:
combattiamo
ma ci facciamo del male
Sempre.

(1486) Ienki
0
email

Il mondo fuori

Il mondo fuori.
Il mondo fuori!
Il mondo fuori...
Ed io dentro di me,
bambino rannicchiato,
avvolto in una confortante bambagia di spine,
domandandomi, spaesato,
cosa farò da grande.
Il chirurgo.
Il veterinario.
La mongolfiera!!
Il pittore o il musicista?
E con quale strumento suonare?
Un oboe?
Un basso?
Un potente e definitivo, sconvolgente stridio di archi
male accordati?
Un cuore percosso da frenetici ritmi?
Abbiamo dipinto assieme,
stupendo,
un affresco.
Tutti i colori del mondo in esso,
ora stanno svanendo:
se i bambini nascessero
nel tempo di vita cui durano
gli amori,
moriremo tutti prematuri.
Io ho vissuto cinque mesi....
Anche la poesia,
pure la più dolce,
può ucciderti dentro!
O la bocca di chi la canta.
Strane icone dorate,
lucenti,
mi stanno da giorni sorridendo:
ora ho paura!
Per qualche ragione tragica,
agli occhi dei Sinti, io sono
il Messia... .
E i nostri corpi sdraiati
si accarezzavano li accanto,
dentro un tempio di cemento.
Una bugia, un sorriso sincero,
sotto un mare di stelle,
sferzato dal vento:
"Ci vedremo presto!".
Non la rividi mai più!

Il mondo fuori,
e il cielo sopra.
E mari calmi.
E mari inquieti.
Deserti torridi,
eremi lieti.
Migliaia di vicoli,
attorno ad un bivio:
ci sono dentro,
mi manca l'aria!!
Compiaciuto pensiero di un nauseabondo schifo,
pervaso dal pianto
di un sogno svanito.
"Domani mattina il sole entrerà nella tua stanza, e con lui un timido sorriso".
Ma "domani", "sole" e "sorriso" fuggirono prima,
mentre ancora dormivo.
E il risveglio fu Morte.

E il mondo fuori,
ed io chiuso,
incatenato ai polsi,
tra l'orgoglioso,
tra il disperato.
Un incomprensibile reato,
una giuria fantasma,
una verdetto sussurrato,
una condanna
da Teatro dell'Assurdo.

Il mondo fuori.
Tra alluvioni di incomprensioni,
ed una patina di indifferenza.
Talvolta pare più una fitta coltre di nebbia.
Camminando in essa,
confuso, ubriaco,
lascerò alle mie spalle,
la mia, la tua, la nostra,
sposa più bella,
vestita di speranze e solenni voti,
di voli nel sogno
fuggendo dal giorno.
Da passioni di idioti.
La Paura di Vivere
mi aspettava all'altare...

Il mondo fuori,
"completamente fuori",
oramai è fuori.
Ed io dentro,
io dentro,
a tu per tu con la mia fiera maschera di follia.
Osservandola, mi osserva.
La indosseremo,
impertinenti,
per le vie del centro,
In mezzo all'assurdità
strisciante
del mondo.
La fuori.

(1485) Leonardo
0

Con gli occhi
Pieni
di Vuoto
e l'anima in riserva.

(1484) San Tommaso
0

NELLA TANA DEL LUPO

Basta fingere! non mi va più questo gioco,
ora parliamo di un favola...
iniziò tutto al bar quel 27 Aprile ricordi?
Eravate in tre lei, lui e uno sconosciuto
parlavate di non so cosa vi diceva la vostra testa e come in quel film di sogni nei sogni sui sogni
un'idea iniziò a balenarsi nella testa all'inizio era tutto scuro c'era tanta nebbia ed io come un ragno iniziai a tessere la mia ragnatela
e lei come penelope la sua tela.
Poi fu pronunciato colui il quale nome non deve essere pronunciato così nella favola comparve il lupo ma nessuno sa da che parte decise di stare.
Con noi o contro di noi?

(1483) David
0

Ho pretese troppo esigenti
sentii due persone dire una volta
"Guarda oggi ha lo zainetto abbinato
al pantalone e le scarpe alla giacca"
Pensai fra me e me che persone così stupide non potevano esistere
ero proprio sul quell'armonia che decisi
di intraprendere una via
quando arrivai da Leo loro si fermarono
da Cesare dicendo "meglio smettere"
Sai il fiato era troppo corto per continuare
Avanzo pretese esigenti
lui lo sa chi dice la verità

(1482) Sole
0

Ora stai serena

(1481) Gigi
0

Stamattina sono stata a vedere il palio
che bella Siena con quel campanile di creta

(1480) Disse
0

Che barba che noia
Che palla che noia
Volevo prendere la metrò
da piazza Vanvitelli con isa
Ma c'era Baldo attaccato ad un palo
che cantava senza palo
la storia di quell'anormale viaggiatore
(che genio doveva essere)

(1479) Utente
0

Ieri ho installato su un portatile HP Omen 15AX Windows 10 creators update con la novità della modalità HDR. Collego il portatile con cavo HDMI 2.0 ad un LG OLEDB6V ma non riesco ad abilitare l’HDR dalle impostazioni di Windows.

(1478) Sara
0

I tuoi occhi
Scuri come la terra in cui cammino
Sono profondi
Come il mare in cui mi immergo
Ogni volta che penso a te.

(1477) Sara
0

I ricordi riaffiorano
Nelle sere come questa
Dove la luna è spettatrice
Di un mondo illumimato

Chiudo gli occhi:
Sento la sabbia che si insinua fra i miei piedi,
Vedo il tramonto che colora l'orizzonte tiepido.
Ti guardo
sembri sereno della pienezza di quell'attimo,
Non te ne accorgi,
Sorrido
Sono felice.

(1476) Lore
0

POST SCRIPTUM

Pensavo che chiara fosse stata chiara
ma valentina, va lentina
altri nomi, invece,
altri vanno aiutati (non peggiorati)
loro sono gli
intoccabili
ma sicuro sei così acuto
da capire che
le sue lacrime mi dicono che
ho la memoria di un pesciolino

(1475) V.red
0
email

A n n a

Le pozzanghere e
il fango
gli stivaletti svelti
il gatto lì vicino ai
campi di polenta
il freddo della sera
i nostri piedini bagnati e
il calore della cena.

Perché corri, Anna ?

Il sole,
la terra fredda,
i tacchi neri,
il vetro tutt'intorno,
quelle quattro mura
chiuse,
il tuo vestito rosso ghiaccio.
I piedi freddi,
fermi.

Dove sei ?

(1474) Elbarto
0

Ancora non capisco perché il profe
si ostina a dire che il seno a novanta gradi
è uguale a uno
senza il meno davanti

(1473) PPPS
0

Ti scrissi, una volta,
una lettera noiosa,
lunghissima,
ne bruciai ogni traccia,
non ricordo granché,
chissà quanti errori ed orrori...
alcuni consigli
uno in particolare attirò
l'attenzione.
La lettera
non ti fu mai spedita
fu lasciata lì
affinché le tenebre
la avvolgessero,
consiglio non fu mai seguito.