Libro degli ospiti


 Nome *
 Indirizzo Email
 Sito Web
 Testo *
* Obbligatorio

Misura Antispam
Per inserire un nuovo messaggio è indispensabile trascrivere il codice di sicurezza, rispettando la combinazione (lettere e numeri).
2 + 3=

(3052)
(1372) BG
0
email

Ancor più nuda è la paura di dirti ciò che provo
Spero e spero
Non sapendo se è un sogno solo del mio pensiero

(1371) Lara M.
0

Verrà quel giorno in cui ci riincontreremo su quel regionale.
Quello sarà un brutto giorno.
Ed il momento peggiore sarà quando tu mi dirai :"bene, ti voglio tanto bene" ed io, innamorata, risponderò:"ti voglio tanto bene anch'io"
Non c'è niente di peggio che dire ti voglio bene alla persona che si ama.

(1370) Ophelia
0
email

Poter sognare di non dimenticarti
È ciò che mi fa dormire;
Pensare di amarti
Mi da i brividi

Mi riempie lo stomaco
E non riesco più a mangiare
Sono troppo piena di te

(1369) Joyce
0
email

E mi sono accorta di amarti
quando ho scoperto che tutte
le mie canzoni preferite stavano parlando
di te.

(1368) yllo
0

E che ne dici, se questo nostro punto di arrivo fosse un punto di inizio.
Se fosse un modo per riprenderci le mani,per riconoscersi ancora una volta.
Ribaltiamo tutto invece che ricomporre i pezzi, ricominciamo da zero, il nostro zero.
Siamo fili che non si spezzano, anime che non si dividono...
Torna da me principessa, torna da me.


(1367) Retermist
0

Invocazione

Insegnami, o luce, maestra,
Essere semplice pensando complicato,
Come fa quando si apre il tronco ruvido
Dell'albero, in mille rami rigogliosi.

Ogni gesto è un bicchiere a metà,
Disperdimi, pioggia, nel sorgo:
Imparerò pace dal sole che sorge,
Il sorriso degli asfodeli.

(1366) margherita
0

volare
qualcosa di più bello
non ci deve essere
volare
volare
con il vento sul viso
e tra i capelli
ed il cuore pieno di libertà

(1365) alessia
0
email

c'era una volta
una ragazza
magica e solare
ingenua e tenace
sorridente e capace.
splendeva il suo io
ogni giorno, ora ora
sotto il cielo
sotto la sua dimora.
libero era il suo animo
felice era il suo cuore,
ma come ben sapete
le cose cambiano sapore.
un giorno come gli altri
con gli occhi brillanti
incontrò la paura
e affrontò i demoni caparbi;
la consapevolezza divenne stabile
in quel corpo prima senza lacrime.
cedette al peso della vita
la disperazione l'aveva rapita.
toccò il fondo
triste e rotondo
non c'erano angoli in cui nascondersi
o a faccia alta
o sempre più giù nei fossi.
disse la fanciulla
"perché non c'è più la luce
che faceva brillare
ciò che più mi divertiva?
perché non ho più la vista
che mi aiuta in questa sconfitta?"
apri gli occhi
e salta
e vola
e torna su seguendo la tua luce più preziosa
guarda dentro te,
o piccola creatura,
sei tu l'unica tua forza
e la tua unica paura.


(1364) Fracco
0
email

Candida quiete;
Petali in volo
Su labbra di vuoto.

(1363) oblio
0

GRAFOLOGIA

studiare il comportamento e il carattere
di un nemico senza parlargli mentre lui
dimostra l'assenza di una via di fuga da noi già percorsa.

(1362) yllo
0

Ho smesso di respirare quando hai deciso che i tuoi passi non sarebbero più stati i miei.

Ho fatto amicizia con il senso di fame
Ho digerito il boccone del dolore
Ho assaporato le mie lacrime di mare

Ho fatto a botte con il bisogno di te.

(1361) francesca t.
0

Vivo in un mondo
Dove due più due non fa quattro
Vivo in un mondo
Dove tutti si fermano a tre
ma perché?
Vivo in un mondo
Dove ti difendo rimandendo disarmata e azzittita dalle tue urla silenziose mentre mi attacchi
Vivo in un mondo
Dove le mie difese sono alte solo quattro
centimetri dal livello del lago con i piragna che hai voluto tu, mentre io ti dissi che volevo l'oceano con gli squali.
Intanto, più uno nella schiera dei beoti tra le righe privileggiate
più uno nella schiera dei beoti
sull'uscio del castello
E un meno uno tra le mie difese. Quando ti dissi che mi vedevi dove non c'ero, tu hai pensato che io non ci fossi mai stata, ma in realtà ero lì, al tuo fianco, per difenderti senza armi senza scudo mentre giocavi a farmi male e non cercare di capire che io ho già perso tutto ma a te qualcosa rimane tra le pagine chiare.
Ma a te piace giocare.
Vivo in un mondo
Dove so solo io come tenere lontana una poesia da chi non la deve leggere
Vivo in un mondo con caratteristica uguale a quattro
Quattro uguale a quel cerchietto che unisce i miei due occhi ai tuoi.
Vivo in un mondo con caratteristica uguale a quattro
dove quattro è diverso da due.

(1360) Leo
0

Mi sento come quella moneta
Caduta dalla mano tremolante
di quella strana persona
È così bello volare
peccato per il pavimento
mi sono fatta male
ma prima di morire sotto il mio stesso peso
Sono stata riafferrata per
Volare di nuovo.

Mi sento come quel pezzo di minerale
Caduto per non farmi sgretolare
È così bello volare
Peccato per il pavimento
mi sono fatto male
e mi hanno bruciato, calpestato e deriso
ma nonostante la mia tenerezza
sono rimasto intatto
Solo qualche graffio.

Mi sento come quella matita scivolata dal quadernino di fogli bianchi
È così bello volare
Peccato per il pavimento
Mi sono fatta male
ma quella strana persona mi ha afferrato e portato su
Fuori sono tutta intatta
Ma dentro sono a pezzi che difficilmente mantengo uniti.
Però sono su per
volare di nuovo.

È così bello volare.

(1359) G.Altalena
0

"Scenderemo nel gorgo muti"
Come i ragni che su di noi
Infittiscono le tele sottili
Impercettibili
Silenziosi più degli uomini
Ma non più fragili di loro.

Le questioni dei ragni
Io non so se si risolvono
Nello stesso umano clamore,
Forse più sommessamente
Nei bozzoli velati
Della loro saliva fina
Come filigrana,
Ma certamente il nostro rumore
Non ci salverà
E se le bombe ci cancelleranno via
Da questo mondo
E sui nostri cadaveri scenderanno
Lacrime in fiumi
Esse non ci risparmieranno all'oblio;

Non saranno molto più che un calcio distratto,
Non più che una vecchia scopa sull'intonaco vivo
Di un muro

Le nostre città cadranno
Come le città dei ragni
E gli uomini le tireranno su di nuovo
Stupidamente credendo di tenere a mente
Il male passato
Per un bene futuro.

Se i ragni hanno memoria
Neanche questo saprei dire,
Ma forse con più saggezza che ricordi
Ricostruianno quello che un calcio distratto
O una vecchia scopa sull'intonaco vivo
Di un muro
Hanno cancellato via.
E noi con loro
"Scenderemo nel gorgo muti".

(1358) paola
0
email

Attaccata a un muro come
un manifesto, ma non manifesto
nulla, dietro l’inchiostro mi
nascondo e sogno.


(1357) Lucia
0

-guarda come cammini! Hai gli occhi a cuoricino! -
-no, ti sbagli.-
- non ti ho mai visto camminare così! Sì hai gli occhi a cuoricino! Non lo vedi? Saltelli, sembra che tu stia volando, hai gli occhi a cuoricino! -
-no, guarda che ti sbagli.-
- no, non mi sbaglio! Non ti ho mai visto così felice! Allora me lo dici chi è? Sei troppo strana! -
-ne riparliamo più tardi a casa?-
- lo sapevo! Non li puoi nascondere, per quanto tu ti sforza non li puoi nascondere! Ridi senza motivo!
Allora me lo dici chi è? -
-[...]-
- TU SEI PAZZA! -
-tu hai detto che avessi gli occhi a cuoricino!-
- tu sei pazza! Ma ti pare? -
-sì son pazza d'amore!-
- NO! ti sbagli, non è amore questo! -
-lo hai detto tu poco fa che avessi gli occhi a cuoricino!-
- mi sbagliavo, su tutto! -
-tranquilla è solo una cotta.-
- ti sbagli non lo è! -
-una cotta che durerà tutta la vita? Chi lo sa?-
- cerca di ragionare! -
-te l'ho detto! ti stai sbagliando! Ma eri così sicura...-
- te lo ripeto mi stavo sbagliando! -
-io non penso, io non credo, lo hai detto tu! non si può nascondere. Vado a studiare.-
- cosa stai studiando? -
-qual è il tragitto più corto per raggiungerlo.-
- finiscila! -
-davvero sto studiando qual è la strada più corta tra due punti-
- ti lascio studiare ma ti ripeto mi sbagliavo -
-sì tutto quello che vuoi-
- son preoccupata per te -
-anch'io son preoccupata per me-


(1356) Giulia
0
email

Eppure lei credeva di essere vicina all'amore
Costantemente
Sola
Camminava sola e non si accorgeva
Il suo cuore di pietra
Non batteva a ritmo
Era congelato
Bloccato nel petto
Come le sue parole
Un groppo alla gola
Questo è
E questo non è
L'amore



(1355) biondowski
0

"Tu ed io
senza
mai dirci
porcodio"

(1354) Tenderlilies
0
email

In balia
tra il vizio ed il giusto
tra la quiete e l'ira
cieli spenti
promesse di pioggia
e la tua mancanza
fin dentro le ossa

(1353) Silvia
0

Ma che dire?

che fare?

che sarà un coca e rum?

lo dico qua non bevo più

ma io alla fine me ne infischio