Libro degli ospiti


 Nome *
 Indirizzo Email
 Sito Web
 Testo *
* Obbligatorio

Misura Antispam
Per inserire un nuovo messaggio è indispensabile trascrivere il codice di sicurezza, rispettando la combinazione (lettere e numeri).
4 + 4=

(3052)
(1232) Cocco
0

Il sole che tramonta
dietro le nuvole,
i bianchi scogli
che delimitano l'orizzonte,
la salsedine sulla pelle,
il brusio periodico delle onde,
lo stridio dei gabbiani,
le palme,
la sabbia,
l'acqua salata
il ciao bela degli stranieri
i tuoi baci sul cuore
questo è
l'estasi del piacere.

(1231) MP
0
email

nel vento - quello bello e fragile che
ti scompiglia i capelli d'estate -
ti riscoprirò sommersa,e redenta
da un un lampo rosso ciliegia
vivrò il tuo sapore:
non sarà poi così tanto diverso
da quello acre della mia vittoria.


(1230) AP
0
email

Camminavano a piedi nudi
in bilico sul mondo.
Lei,
che profumava di casa,
per non far rumore;
Lui,
spirito selvaggio,
perché le scarpe gli andavano stette.

(1229) Luce
0


Le cose nascono
Le persone si incontrano
e il destino si compie
Nelle mani di Dio
sorriso che solleva le guance rosa
Non dimenticarti di me
Ti darei la colpa di avermi abbandonata
Ma ho imparato
Che sono io a doverti cercare
Tra i capelli spezzati
E le unghie sfogliate
Tra gli occhi grigi
E i denti asimmetrici
Ma mi abbraccio lo stesso
Mi tengo dentro ciò che mi rende me
E tiro fuori ciò che mi rende vulnerabile
Perché non ho paura
Di essere vulnerabile
Di essere me
Anche se a te non piace
Anche se non pensi che sia speciale
Io lo sono
Sono una conchiglia rosa sulla spiaggia ma
Tu non vedi come rifletto la luce del sole
Io non cambierò forma
E tu non cambierai occhi
Siamo lontani un mare
Avrei voluto nuotare fino a te
Ma non sono riuscita ad arrivare così lontano
Avremmo potuto incontrarci a metà strada
Ma ci sono cose che possiamo fare
Ma non vogliamo fare
E la libertà ci rende uomini
Non ti mangerò di baci se non vuoi
Ma vorrei dirti che
Mi sarei presa cura di te
Come di una cosa preziosa
Ti avrei baciato con tenerezza
Perché ho un cuore morbido
Con cui avresti fatto amicizia
E credo ti sarebbe piaciuto
Perché sarebbe stato tuo


(1228) Pino
0

È bello essere liberi
uscire alle tre di notte nel giardino vicino casa
e mettersi a pensare ciò che senti oscillando nel proprio mondo immaginario
mentre poco più avanti c'è chi legge i tuoi finti pensieri con una luce fredda.
È bello esser coccolati dalla persona che ci piace e tenersi in abbracci indecenti.
È bella la tua onnipresenza nei miei sogni, nei miei pensieri, nei miei posti così non sentirò mai la tua mancanza.
È bello avere un consanguineo che ti promette la conoscenza con un tuo collega basilese.
È bello il modo in cui mi guardi, in cui mi sorridi.
È bello guardarti da lontano con quel cappellino mentre giochiamo ed aspettare che ti avvicini fino a quando ti accorgi che un estraneo, in modo goffo, ti copia allora metti i piedi a terra e te ne vai mentre lui ti cede la sua precedenza che rifiuti ostinatamente.


(1227) Pino
0

È bello essere liberi
uscire alle tre di notte nel giardino vicino casa
e mettersi a pensare ciò che senti oscillando nel proprio mondo immaginario
mentre poco più avanti c'è chi legge i tuoi finti pensieri con una luce fredda.
È bello esser coccolati dalla persona che ci piace e tenersi in abbracci indecenti.
È bella la tua onnipresenza nei miei sogni, nei miei pensieri, nei miei posti così non sentirò mai la tua mancanza.
È bello avere un consanguineo che ti promette la conoscenza con un tuo collega basilare.
È bello il modo in cui mi guardi, in cui mi sorridi.
È bello guardarti da lontano con quel quel cappello mentre giochiamo a giochi diversi e aspettare che ti avvicini fino a quando ti accorgi che un estraneo in modo goffo ti copia allora metti i piedi a terra e te ne vai mentre lui ti cede la sua precedenza che rifiuti ostinatamente.


(1226) Diletta Vittoria
0
email

IV

Faceva freddo.
Ci siamo vestiti in fretta per correre a vedere le prime luci di quel giorno..e mancava poco.
Il sole si nascondeva ancora tra le nuvole, ma la luce saliva da dietro e illuminava tutte quelle forme morbide e rotonde.
Com'è che abbiamo visto le stesse cose?
Era come se avessimo davanti lo stesso disegno e giocassimo a scoprirne i particolari che uno dopo l'altro si univano,come pezzi di un puzzle.
Non abbiamo aspettato che il sole uscisse, non ci importava.
Avevamo visto l'alba, ci eravamo vissuti quel momento di attesa, quell'attimo prima del nuovo.
Non ci serviva vedere cosa sarebbe stato il dopo,lo avevamo immaginato..e non esisteva immagine più bella di quella che le nostre menti ci avevano mostrato.
Qualcosa di un effetto più unico che raro.

In fondo così noi eravamo; insieme in tutte le volte in cui abbiamo spento la voce e ci siamo tesi la mano.
Si ferma in un attimo che sfiderà il tempo, in uno scatto eterno che gli occhi mi hanno regalato.


(1225) Elena
0
email

SENZA TE

Cammini a passi svelti senza far rumore. Ripensi al mare e a quel momento che non potrà mai tornare.
Senti ancora addosso quegli abbracci caldi. E poi ripensi a lui che non potrà mai tornare. Lui non c’è. Ti manca,chissà dov’è.
Ti stringi in un abbraccio caldo, come per ricordarlo. Le lacrime solcano il viso. Ma lui non tornerà.


(1224) Elena
0
email

IL VIAGGIO INFINITO

Continue domande,continui perché.
Il vento ha soffiato. Ha portato con se la stella più bella. La stella è in viaggio. In un viaggio infinito.
Un giorno si fermerà. Si poserà sul cielo. La riconoscerò.
Le lacrime scenderanno come un fiume che straripa. E io resterò a guardarla desiderando che anche lei,un giorno,mi guardi con gli occhi con i quali l’ho guardata io.


(1223) Irene
0

Io e te
Ci nutriamo d'indifferrenza.

Gli anni marciano su di noi
Come un esercito
Su un fiore.

Le braccia conserte,
Gli occhi chini
Sulla polvere.

Ma quando tace la steppa
Scorgi rapido
Un guizzo di rosa.

Poggia sui polpastrelli
Lieve e sfacciato.
Le venature impercettibili
Di una vita che fu.

E appena sussurri
Il petalo
È andato.


(1222) Enrico Cialdini
0

"...che non rimanga pietra su pietra"
La storia si ripete
gli invasori sono gli eroi
gli eroi, i guerriglieri.

(1221) G.Altalena
0

Le partenze

Le partenze, tu lo sai
Riempiono gli sguardi di malinconia dolce
Come un vecchio liquore
E le stazioni
Di abbracci e addii.
Due innamorati non si rassegnano
All'ultimo bacio
Prima che il treno cominci la sua corsa frenetica.
Ma chi in luoghi come questo
Viene fin da bambino
Lo sa, lo sai
Che i veri innamorati
Non bramano nulla fuorché la distanza
E amano mancarsi
Per vedere se amano davvero.
Oppure forse sbagliamo entrambi
Forse gli innamorati
Non desiderano che carezze
In luoghi solitari
E quindi, lo sai
Vorrebbero correre insieme
Lungo il ferro lucido dei binari (?)

(1220) Lucia
0


Sarebbe bello ritornare a
quando non esisteva la corrente elettrica
quando del petrolio non sapevamo che farne
quando bastava un niente per esser felici
Per esser felici insieme.
ora tutti vogliono qualcosa di utile da barattare con qualcosa di futile,
Ed è sempre una lettera in più o in meno, sempre un accento sbagliato
oppure giusto nel posto sbagliato.
Dove sono i princìpi?
È diventata
dove sono i prìncipi?
e ora pensano che vogliamo cose che non abbiamo mai
cercato o cerchiato?
Come quella tua ultima frase
trovi quello che cerchi.
Già, quella pugnalata alle spalle
non me l'aspettavo in quel momento di estrema formalità.
Preferivo vedere cerchi su cerchi ancora su cerchi che non cerchi.
Sarebbe bello ritornare a
quando
eravamo
Ma pensandoci è tutto indicativo.

(1219) Vincent
0
email

Impulsivamente attratto da una donna, aveva il sole in mano e la luna dentro nascosta nei meandri del suo cuore.
Ella collimava ad un animo più scuro, più crudo. Ogni sua frase che origliava il mondo era, per me, un anelito perenne ma un giorno tutto finì. Subentrò la paura e lo stesso mondo che conosceva tutto di lei, mi cacciò dalla sua mente
e dal suo cuore, gettandomi nel pozzo più buio. Era una nuvola scura sempre intenta a seguirmi. Ora tu giura che in questa via scura, troverai la luce, perché la pagina su cui scrivo è la mia ultima cura.

(1218) Vincent
0
email

"tu prendi il resto come lucciole perse nel buio ma attratte dalla luce del tuo unico sentiero"

(1217) Marylouise
0
email

Il cuore
Oggetto ingrato,
Immanegevole,
Crudele,
Che ti manda in mondi sconosciuti,
In mondi in cui non
Saresti mai andato
O in cui non
Sapresti come
Arrivarci.
Il cuore il cuore
Una nave
Stellare
Che solca
Con impetuosità
Le onde
Che hanno il
Nome di emozioni.
Il cuore,
Un pirata,
Un principe azzurro,
Un qualcosa
Di inspiegabile,
Un personaggio
Inanalizzabile.
Dentro sè
Racchiuso
É
Il tutto.

(1216) Marylouise
0
email

E tu, misterioso
Mi guardi.
I tuoi occhi
Color della notte,
Mi rapiscono
E non mi lasciano
Andar via.
Così dolce
Il tuo viso,
Così lieto il tuo
sorriso.
Risplendi
Anche nelle notti
Più buie
E tempestose.
Parlami e non
mandarmi
Via,
Dalle tue
braccia.




(1215) Z.90
0
email

Dove sei dove sei anima malata,
Senza di me che non t accudisco.
Come fai ora a non morire piano
Se ti penso, morire sola non puoi.

Dove sei dove anima timida,
Che mi hai fatto sbagliare tutto
E ti sei fatta portare via da lei
Lasciandomi qui, vuota e innocua

Dove sei dove sei anima rapita,
Tu me l'hai portata via quella sera.
In quel bar ti ho visto arrivare
E dagli occhi me l'hai strappata.


(1214) P
0

Quanto mi mancherà saperti
a casa.
Io passavo sotto, già ero più leggero.
Mi scaldavi d'inverno.
Mi infuocavi d'estate.
Io passavo sotto, tu non lo sapevi.
Cercavo un respiro
una vibrazione mossa dalle tue dita.
Trovavo una luce calda
come i tuoi capelli al sole
come le tue rose al tramonto
come i tuoi abbracci di notte.
Mi bastava.





(1213) Sal
0

il vento d'estate
rinfresca le giornate
e raggela l'animo