Libro degli ospiti


 Nome *
 Indirizzo Email
 Sito Web
 Testo *
* Obbligatorio

Misura Antispam
Per inserire un nuovo messaggio è indispensabile trascrivere il codice di sicurezza, rispettando la combinazione (lettere e numeri).
9 + 6=

(3052)
(832) Eagle
0
email

Non ho bisogno di paure inutili:
io sono tutte le mie più grandi sconfitte,
ma niente mi può abbattere, persisto per vincere.

(831) Amedeo Clementi
0
email

Lune.

Per altre mille lune
i nostri occhi vagheranno
nell’attesa di incontrarsi.

Infine si incontreranno

e non vedranno più la luna
ma un sole acceso
che li guarderà
nell’attesa del tramonto.



(830) Sólstafir
0
email

"Una notte al Porto Antico di Genova"

È notte fonda qui al Porto Antico
Della Superba. La luce della mia
Sigaretta, come un faro, attira
I pensieri che il mare mi sputa
In faccia. Nel cielo, tra le stelle
Ancora vedo scritto il tuo nome.

(829) Riccardo
0

Contraddizione

Siamo la generazione che non ha ambizione, ma tocca a noi cambiare il futuro della nazione.
Ci hanno inciso sulla fronte la disperazione,
ma tocca a noi risollevare la speranza della gente.


(828) nonna
0

vi amo
leggere fra le lacrime
soli ma insieme

(827) V.06
0

HO SMESSO DI SOGNARTI

Ho smesso di sognarti
Nell'istante in cui ti ho visto
La prima volta
Uno sfocato venerdì
Adesso
Preferisco allungare il braccio fino alla tua mano.


(826) sofia
0

sono una sedicenne di messina, rappresentante di uno dei licei della città! mi avete aiutata a trovare dentro la scintilla che cercavo, a far nascere alcune idee e mettermi in moto! grazie!

(825) Haran
0
email

Ma un giorno,
Smembrerò il mio cuore
Creando una spremuta fresca
Dal sapore non così
Acido
Apatico
Come sembra


(824) Hayat
0
email

Quando me ne andrò
quello che mi chiedo :

Mi ricorderanno per il mio
respiro
o
per il mio mancato

pensiero?

(823) Hayat
0
email

Assorbo questo
veleno
che mi dà
vita
senza mente,
mi sento
viva

(822) Gaia
0
email

Il peso dei pensieri
Si abbatte su di me
Puntuale.
Ogni sera.
Rompendo la
Speranza di sprofondare
nella quiete temporanea

(821) Marta
0

Cosa ci è rimasto
a parte
quest'idea così sbiadita
quest'immagine lontana
questo sogno, questo
breve ritorno d'aria vecchia.
È vuota, la rivoluzione
una parola così grande e noi,
piccoli,
sapremo mai riempirla?

(820) Aria
0

Amore mio
Scherzo del destino
Hai strappato la tela del passato
Portato luce tra toni sbiaditi
Interrotto pennellate nervose
Rassegnate, esauste
Hai rimodellato questa cornice
Ristretta e pericolante
Guardato questo ritratto
Con occhi nuovi, l'hai recuperato
Da un'asta fallimentare
Dipinto cieli azzurri
limpidi, con una nuova prospettiva.
Ormai il tuo pennello
È lo strumento che condanna
Il mio avvenire,
E questo quadro verrà dimenticato
Abbandonato tra la polveri di una soffitta
Di un pittore imprigionato
Tra le sbarre dei suoi sogni di sconfitta
Tra un miraggio e l'apatia.



(819) Gaia
0
email

Tu
che rappresenti
la mia
forma preferita
d'amore.
Mi insegni la dolcezza
la pazienza
e come amare.
L'amore
quello dei piccoli gesti
grandi nel significato.

(818) Greitk
0
email

ho percepito del calore umano
attraverso una finestra accesa
era di chi ama e sorride,
e sono meno sola

(817) Dounia
0
email

Ti sei immessa nel sentiero del mio cuore
uggioso e tetro
disseminando una scia di luce
abbagliante.

(816) Matteo
0

A volte
il Nulla
ti raggiunge
e finisce la pena.

(815) Eagle
0
email

Ho promesso: ho promesso a me stesso più tempo, più affetto, più felicità, ma c'è un bellissimo ostacolo biondo che m'impedisce di raggiungere l'obbiettivo e allora in dirittura d'arrivo mi fermo ed è come un'amnesia, perché non ricordo più nulla, non voglio più nulla tranne lo sguardo profondo del mio bellissimo ostacolo biondo

(814) Eagle
0
email

Ho promesso: ho promesso a me stesso più tempo, più affetto, più felicità, ma c'è un bellissimo ostacolo biondo che m'impedisce di raggiungere l'obbiettivo e allora in dirittura d'arrivo mi fermo ed è come un'amnesia, perché non ricordo più nulla, non voglio più nulla tranne lo sguardo profondo del mio bellissimo ostacolo biondo

(813) Marisa
0
email

Associando quei due corpi al silenzio del mattino,
Con sorrisi tra i capelli davan un senso al loro giro.
Tramortiti dalla notte
Solo in occhi si specchiavan
Dove l'anima di ciascuno
Con quella dell'altro si scontrava.
Preferiscono restare
A fissarsi
Indifferenti
Ai rumori che invadenti
Li tormentano,
Distraendo le attenzioni
Dai lividi nudi del risveglio.