Libro degli ospiti


 Nome *
 Indirizzo Email
 Sito Web
 Testo *
* Obbligatorio

Misura Antispam
Per inserire un nuovo messaggio è indispensabile trascrivere il codice di sicurezza, rispettando la combinazione (lettere e numeri).
7 + 9=

(3052)
(692) 37
0

Non troverai mai me.
Da nessun'altra parte.
Questo te lo prometto.
Non sono un figlio di una poesia qualunque.
Quella sei tu.

(691) V.06
0

È VERDE
Sarò
Il tuo più grande
Non impegno
L'ora d'aria
Dove gli orologi non esistono
L'unico ticchettio
Sono i nostri cuori
Che battono
All'unisono
I nostri polmoni
Che respirano
Da una sola bocca

Realtà, non arrivare proprio adesso
Senti l'orchestra dei nostri organi ?
Dammi una sola ragione per staccare le mie mani
Dalle corde di quest'arpa
Tese, ormai non più.

Il clacson.
Semaforo verde.
Muoviti cretino, faccio tardi a lavoro.






(690) Alisea
0
email

...perché a un certo punto mi accorgo che ti amo
e mi brucia addosso il tuo corpo lontano.

(689) Narziss
0
email

Guarda, piove.

Piove sui rami delle querce
Sulle radici dei palazzi

Piove nelle pozze dell'animo.

Ci piove un distillato di emozioni
Delle sere in compagnia
A cantare in quattro quarti
con una chitarra scordata

Che poi non ci è mai fregato di essere intonati
Specie quando il vino ti riscalda la gola
e il fumo raschia via i momenti di silenzio

È qui che piove
Sugli amori e delusioni
Di chi ha troppo tempo per non far niente di sé

È qui che piove

Sugli stralci malinconici che si affacciano la sera
Quando il vino è finito nel boccale
E restan quattro stracci, a guardare il vuoto,
troppo timidi e preoccupati di sé stessi
per stare in un gruppo di sconosciuti
quando manca il vino, l'amico in comune.

Il filo rosso.

Piove sulle facce di chi non so ricordare.

Piove sulle braccia strette tanto a lungo
intorno ai fianchi di qualcuno

Piove sulla mia memoria
Ma non abbiatemene

Io vi ho voluti ricordare, lo giuro.
Io non vi ho voluto lasciare andare.

E adesso fa troppo freddo

per essere da soli.


(688) Alephalef
0
email

Parole.

Di noi già scrivesti,
più volte e senza freno.
Parole ormai sbiadite,
mutate nel tempo e ricoperte di orgoglio.
Non rimangono che vuote
intrappolate in eterno su quei fogli.

Solo parole restano
di quel che tu chiamavi
Amore.

(687) Giancarlo
0
email

Vorrei Ma Non So

Quali sono i tuoi pensieri,
da quelli più oscuri a quelli più sinceri.
Ogni volta ti vedo giù di morale
e non so liberarti da tutto quel male
che solo tu riesci a vedere.
Che solo tu puoi spegnere,
Non chiedo molto dal mondo.
Chiedo solo di capire il tuo profondo,

In modo da trovare una soluzione,
In modo da non farti più soffrire.
Darei al diavolo la mia anima

per dissipare ogni tua minima
sofferenza, per non farti morire,
Per poter vivere in modo migliore.

(686) Giulia21
0

Vorrei stare male.
Vorrei ammalarmi per far si che questo dolore abbia un altro motivo per esistere.
Vorrei soffocare, per non dire che tu mi togli il fiato.
Vorrei rischiare di morire, perché tu mi possa rianimare e quello non sembri un bacio.
Vorrei poter morire, per non dover dire che tu sei la mia vita.

(685) Haran
0
email

Un banco di scuola e due penne rubate
Un ricciolo rosso che prima no c'era
Passioni legate
Da un'idea sincera

Cinque anni come dalla mattina alle sera


(684) Carlotta
0

Prendo il telefono e spero di trovare attraverso uno schermo piatto e illuminato un qualche strano collegamento con te.
Cerco di uscire da me stessa, tutte le volte, per immaginarmi la tua nuova vita, o la vecchia, non saprei, decidi tu.
A volte non so più chi sono le persone che mi circondano, ho attorno solo fantasmi, gente (perché è questo il termine che voglio usare) che si ritrova nelle situazioni casualmente. Tutti vagano errano, errano.. Ma che fretta hanno?
A volta esco da me stessa e non mi riconosco neanche allo specchio, per un momento, penso addirittura di poter parlare con la mia anima.
Parlare con l'anima? Ma che dici?
Sì, sento quasi di poterci entrare in contatto, un sensazione così intima da non poter essere espressa.
Così, prendendo sempre il solito telefono cerco un qualche contatto di questo tipo con te, ma non lo trovo.
Certamente! E menomale!
Oh, forse sono pazza, che mi succede? Sto perdendo il controllo, sto andando alla deriva, ho perso le coordinate, abbiamo perso le coordinate.
Abbiamo chi?
Io e la mia anima.
Vi siete perse?
Sì, ci stiamo perdendo.
La mente può salvarci percaso? La razionalità può? Possono farlo? Possono liberare la nostra nave da questa fitta nebbia dalla quale non riusciamo più a uscire?
Ovviamente!
E come?
Questo non posso saperlo...
Che discorsi... Intendi dire che sai che la ragione può salvarci ma che non sai come?
Proprio così!
Ho capito.. Ho capito..


(683) Martina
0

Osservo
Sagome amiche
Darmi le spalle.

Formano cerchi
A cui io
Non appartengo.

Parlano lingue
Che io
Non capisco.

Perché non riesco ad allontanarmi?

(682) Francesco Paolo Somma
0
url  email

All'attenzione del MEP.

Il mio nome è Francesco e sono un italiano di 23 anni migrato a Londra da un anno e mezzo adesso. Sono un cantautore ed un musicista di strada. Sono venuto a conoscenza del MEP a Padova e me ne sono innamorato a tal punto da scrivervi. Pensavo: e se trasportassimo il MEP (Movement of the Emancipation of Poetry) a londra? Ho venue, persone che mi aiuterebbero e soprattutto ho idee da proporre. Se siete interessati possiamo parlarne meglio via mail.

Per ora, buonanotte.

Francesco Paolo Somma.

(681) O.16
0

Non mi tatuo
Così che tu possa disegnarmi
I tuoi istinti primordiali
Nascondimi sulla schiena i tuoi segreti
Leggimi
Bagnami
Lecca via dalla mia pelle l'inchiostro
Sarò infinitivamente
La tua tela bianca

(680) Giangi
0
email

Non senti di dover partire?
Non senti il disperato bisogno di viaggiare?
Il mondo non ti sembra troppo stretto per come appare?
Oppure è solo il desiderio di voler fuggire?
Ma in fin dei conti...dove stai andando?

(679) Ireneo
0

Siete un branco
di delinquenti
analfabeti
illetterati
imbrattatori
di muri.

Spero che
vi arrestino
tutti.

(678) Clara
0

E prenderla con leggerezza,
E non pensarci
E non rifletterci
Che tanto andrà come andrà
Ci rimarrà il vento
Per trasportarci

(677) Rdc
0

Quel giorno

Con dei petali di rose
fece un letto d'Amore
Così l'Amore ci avvolse





(676) Silvia
0


Mi sento
come in apnea
nell'attesa di raggiungere
la superficie
o
il fondo.

(675) Dinvisibili
0

Mi dici: "Respira!", mi infastidisce
Sapere che, alla fine, vincerai.
Ma dopotutto, sai, che ci vuoi fare?
Sono solo un coglione che crede
Alla vita.
Alla vita che si coglie per strada
E che fa breccia nella porta.
Alla vita della sveglia il lunedì mattina.
Alla vita con l'ombrello chiuso in mano nella pioggia
E gli occhi aperti nel futuro.
Alla vita nell'odio
-Perché senza odio non esiste l'amore-
Alla vita che ti assale la notte
E che canta canzoni datate.
Alla vita sospesa sulla diagonale di luce dell'ultima alba
Alla vita senza parole,
Senza cazzate.
Alla vita satura di bugie
-Le bugie che scaldano il cuore-
Che legge i volantini antisociali
Con le buste in mano.
Alla vita morente
Alla vita già fredda sotto la neve
E annaspante nell'acqua.
Alla vita sbagliata e ingiusta.

Non farti descrivere,
Amore mio,
Sei bella così.
Per te
Posso inventarmi anche di meglio

(674) Mare
0

Con le farfalle nello stomaco
Ripenso a quando ti aspettavo sotto casa
Con un brivido sulla schiena
Ripenso al sorriso che mi facevi quando mi vedevi
Con un nodo alla gola
Ripenso al tuo profumo sulla mia pelle
Con le lacrime agli occhi
Ripenso al sapore delle tue labbra

Alza la testa
Guarda le stelle
Siamo sotto lo stesso cielo
Ci pensi mai?

(673) Mare
0

Ti immagino qui accanto a me..
Come ti vorrei
Così come sei
Con le tue espressioni sincere
Con i tuoi sguardi alla ricerca di conferme
Con i tuoi maglioni di complicità
E i tuoi sorrisi di fantasia
Ti vorrei
Perchè ogni persona cerca la sua restante metà
E io penso di aver perso anche me stessa
Cercandone una diversa
Perciò aiutami in questa tempesta
A far ordine
Nel mio cuore e nella mia testa