Libro degli ospiti


 Nome *
 Indirizzo Email
 Sito Web
 Testo *
* Obbligatorio

Misura Antispam
Per inserire un nuovo messaggio è indispensabile trascrivere il codice di sicurezza, rispettando la combinazione (lettere e numeri).
3 + 5=

(3052)
(592) olimpia
0

sbronzi
all'alba
senza sigarette

mi rassegno alle varie mancanze
annientato dai colori delle foglie secche
i tuoi capelli come l'iride
camaleontici
un vetro rotto
cui luce riflettente
incornicia me che guardo te
e d'un tratto non ho bisogno di niente.




(591) Giulia21
0

Sono influente,
Sul futuro del mondo,
Quanto una foglia
Che cade d'inverno

(590) Olimpia
0

PADIGLIONI COME MANICHE A VENTO

Passo così tanto tempo a pensare alle persone
Mi chiedo, se quel tempo che spreco a rimuginare su di esse sia fine a se stesso o se il mio pensiero viaggi nell'aria, diretto verso il loro orecchio.
Contro vento.
Sfidando le intemperie dell'inquinamento acustico.
Mai arriverà a quel timpano rimbalzando tra staffa, incudine e martello.
Ma la brezza che quei pensieri alzano, la sentono?


La senti?

È tramontana.


(589) Rachel
0
email

cammina per strada,
a passo veloce,
senza degnare di uno sguardo
gli occhi di chi
assapora la sua bellezza,
ignaro della vastità
di sfumature che si celano dietro
quelle dolci ciglia,
contorno perfetto di
occhi indefiniti

brutalmente eleganti

(588) She
0

ho perso la facoltà
di poter scrivere di giorno
senza la nebbia notturna che mi apre
il petto per un viaggio dall'incerto ritorno:

quanti ponti son passati sotto queste acque,
e quanti venti son stati spezzati dai rami;
tutto questo l'ho visto nell'oscuro
tremolìo dei paesi lontani.

ho nostalgia di casa
nonostante io non conosca
la sua ubicazione.

(587) She
0

ho perso la facoltà
di poter scrivere di giorno
senza la nebbia notturna che mi apre
il petto per un viaggio dall'incerto ritorno:

quanti ponti son passati sotto queste acque,
e quanti venti son stati spezzati dai rami;
tutto questo l'ho visto nell'oscuro
tremolìo dei paesi lontani.

ho nostalgia di casa
nonostante io non conosca
la sua ubicazione.

(586) She
0

ho perso la facoltà
di poter scrivere di giorno
senza la nebbia notturna che mi apre
il petto per un viaggio dall'incerto ritorno:

quanti ponti son passati sotto queste acque,
e quanti venti son stati spezzati dai rami;
tutto questo l'ho visto nell'oscuro
tremolìo dei paesi lontani.

ho nostalgia di casa
nonostante io non conosca
la sua ubicazione.

(585) B
0

mi son purtroppo accorta
di quanto io non sia morta
in fondo. credimi,

dovrei amare come vorrei essere amata
e tu dovresti far lo stesso con chi vuoi, senza
pensare a chi amare e a chi odiare e a chi credere:
qualcuno mi disse
ama e fa' ciò che vuoi.

voglio lasciare il mondo o invecchiare
sapendo che tu sei felice davvero
e ciò che conta non sarà stato il dove ero
ma in che stato d'animo mi trovavo.

spero di rivederti un giorno
in te stesso o in altro uomo
e di celebrare fra me e me il ritorno
del disinteressato affetto testardo
che tuttora provo per te, edoardo.

(584) Giulia21
0

ADDIO

Addio mio giovane pensiero,
che in me nascesti
quando per sbaglio quel giorno
m'illusi che tu potessi diventar reale.

Non è mai troppo tardi,
ma tu sei, ormai, il custode di una favola impossibile.
Ti ricordi quel momento?
Quello in cui eri realtà:

quando quel giorno mi strinse,
con le braccia forti,
intorno al ventre
e mi baciò.

Ormai sei destinato a rimanere per me
fuso
con il ricordo
e col passato.

(583) Olimpia
0
email

Siamo fatti per poche persone.
Il respiro che non mi infastidisce, ma che mi fa compagnia mentre mi addormento sul tuo braccio.
La voce, roca, mi rassicura.
Le mani calde che scongelano le mie. La sicurezza che mi diffondi con il tuo profumo che non ho mai sentito prima, ma mi ha fatto scordare tutti gli altri.
La tua indipendenza che mi fa sognare
La tua volontà che fa riaffiorare la mia come un germoglio nel deserto
La voglia di respirare forte, soffrire per poi godere dei propri risultati. La nostra cosa in comune.
Sai che mi piace così e non c'è bisogno di dirlo.
I nostri corpi incastrati sono la combinazione perfetta di una cassaforte che racchiude il tuo calore sbrinando la punta del mio iceberg.
La camminata, il modo in cui bevi il tuo caffè, come ti infili la maglietta e come sfili la mia.
È successo che la marca sbagliata di un latte parzialmente scremato diventasse la scusa per divincolarmi da delle braccia.
Anche la marca del tuo latte è quella che piace a me.
Sei la mia persona o semplicemente non ho ancora saputo delle tue letture sbagliate, delle tue donne così diverse da me, del tuo amore per la cucina cinese che odio.
Cerco qualcosa, qualsiasi cosa che rompa questa perfezione utopica percepibile con tutti i miei sensi.
So che preferisci il vino rosso.
Penso a questo e a quanto io ami il vino bianco e mi convinco che voglia dire qualcosa.
Faccio di questa piccola incongruenza la mia porta di uscita di sicurezza.
Spero sia abbastanza per scappare via da questa idea che ho di te. Andare nel posto più freddo del mondo e aspettare che tutto torni come prima.
L'amore pensato è un bacio non dato.


(582) T
0
url 

E così proseguo queste giornate scandendo il tempo con il suono del mio male.
È così affascinante! Colora lo spazio che mi è intorno, colora lo spazio che è intorno a tutti!
È così elegante, regala pensieri ogni dì a chiunque egli pensi.
È così magico essere da lui accarezzato!
Così tanto freddo e disagio percepisci che per la paura non puoi altro che volerne ancora.

(581) Dinvisibili
0

Chiusi gli occhi?
Ipocrita figlio di Eva,
Il fumo lo dovresti però
Almeno sentire
E le grida
E i cingoli
E le armi
E la puzza dei rifiuti
Dietro il profumo,
Che nessuno più sparge
E il calore del fuoco
E il freddo la notte
E la fame
E il mare saturo
E la sabbia sotto i piedi
E le risposte della gente
E la paura, merda,
La paura
Come puoi non sentirla?
Il silenzio
Dei nostri
Cuori,
Lo senti?

(580) Dinvisibili
0

Piagno e canto
En lo cor mio
Quel ch'è da tutti pianto
En coperte stanze d'oblio.
"Ch'è sta roba?" chiedrai presto
"Gadda piagne et Cesco pure
Semplic'è tirar dal cesto
Verba a cazzo e storpiature."
M' io non volio esser sincero
En la forma né fabelle,
Ma Pascoli cammin senza pensiero
Ove guardar lieto le stelle.
Ben so già e 'l nome e 'l rigo
Di quel ch'io pur non scriverò
Et ancor più gaio rido
De mia stupiditate et sua beltò.
Inventar è la passione
E curiosate move l'orbe,
Canoscenza è sol schiavone
Di chi consola mai non sorbe.
Venia chiedo a chi'n capisce,
Serenìta e vuoto tempo
So' i doni cui vi porto ambasce
E cuor leggiero a poco stento.

(579) Nicole Calloni
0
email

Cercare mille parole per descriverti
impazzire non trovandole
ma tu fai poesia anche solo respirando,
anche solo spostandoti i capelli
vagando fra la gente
e io resto qui
ad osservarti
e a scrivere di te,
incantata.

(578) kia
0
email

Avrei voluto partire con te per terre assolate, piene di polvere e di vita.
Capire cosa ti spingeva a andare via e cosa ti faceva ritornare.
Guardo con infinito amore e commozione la tua foto e mi raffiguro con te, giovane e entusiasta e insieme così solo e malinconico.
Se ti avessi incontrato allora cosa avrei potuto dirti?
Raccontarti quella che è stata la nostra vita è sarebbe stato incredibile e fin troppo doloroso.
E adesso che siamo più distanti che mai e tu non ci sei più ti esorto a sognare.
Sogniamo lo stesso!
Nuove terre, nuove avventure.
Una felicità che ci è sempre sfuggita o c'è sempre stata sottratta.
Eppure ci sarebbe bastato guardare insieme uno spicchio di sole lontano in un deserto da esplorare.


(577) Pietrino
0

Sei la metà dell'alba dietro all'orizzonte
Per me che vivo solo la notte sei la morte
Non posso abbandonarmi ai tuoi occhi chiari
Saranno per sempre i miei desideri più amari

(576) Mare
0

Vivo per un solo

Per un solo tuo pensiero
che mi sveglia,
diverso ogni mattina..
Per respirare solo un po' del tuo profumo,
simile a quello dei sogni..
Per perdermi solo un'altra volta,
nell'infinito dei tuoi occhi..
Per accarezzare i viaggi sensuali della tua schiena,
solo la sera prima di baciarti..
Per perdermi, mentre parli, solo fra uno dei tuoi sguardi..
Per illuminare la mia esistenza
solo con un tuo sorriso..
Per aver trovato solo un senso
a questo mio cercare..
Per aver raggiunto solo un posto
in cui mi sento vivo

(575) 37
0

É come quando piangi.
Come quando sogni.
Come quando ti illudi di esserne uscita a testa alta.
Come quando nella vita neanche mentire ti riesce.
É come quando piangi.
Come quando sogni.
Come quando ti renderai conto dei veri sacrifici.
Come quando finalmente anche tu sarai grande.

(574) met
0

non riesco a comprendere il senso del dolore
ho rimproverato il fato di questo fardello,
questo macigno della libertà,che rende autori del proprio male,
che porta coscienza delle nostre mancanze.
ho urlato a dio
che è stato crudele averci reso deboli ma consapevoli dell umana fgragilità
di avreci abbandonati alle nostre orride passioni
ho maledetto i suoi adepti che dell' umano gregge,sono inetti pastori
ho respinto i loro sguardi di spoglia pietà, di comprensione che sa di invidia,della loro speranza
a che serve sperare se si è felici?
ho pianto per non saper essere felice
l unica mia consolazione, e soffrire dei mali altrui
le spine degli altri,attutiscono le mie




(573) Dinvisibili
0

Amo la letteratura
Perché troppo stupido per capirla
Amo la pioggia
Perché solo nel deserto
Amo la vita
Perché mi colora le gote
Amo l'America
Tutta e senza distinzione
Perché ha la mia età
E non ricordo qual è
Amo i passi svelti
Sui marciapiedi
Perché seduto a contemplarli
Amo le stelle
Ché un giorno
Finalmente scorderò
Di abusarne
Amo il frusciare del letto
Sotto la carezza di un gatto
E la fiducia infastidita
Nell'esistenza
Che danno questi luoghi comuni
E amo, amo i tuoi occhi
Perché troppo lontano
Per vederli