Libro degli ospiti


 Nome *
 Indirizzo Email
 Sito Web
 Testo *
* Obbligatorio

Misura Antispam
Per inserire un nuovo messaggio è indispensabile trascrivere il codice di sicurezza, rispettando la combinazione (lettere e numeri).
8 + 6=

(3052)
(512) Martina Innocenti
0
email

Altro non m'appare
che il caos e
attorno a me si respirano
i dolori d'autunno

(511) F.01
0

Ho il solo timore che questa pagina non sia sufficientemente seguita. Perché vi si trovano tentativi ed esiti letterari davvero niente male.
Grazie ancora a tutt*
Più per le poesie... ma anche per le offese!

(510) Dinvisibili
0

Ed io
Che ancora gioco
Con le luci sul soffitto
E con le bolle di sapone
E sogno strane immagini alle nuvole
Le mie superficialità rampicanti non portarle via
Non svegliarmi la mattina troppo presto
Per dirmi che il tuo cuore si è fermato
Che là fuori esiste un mondo di persone
Di atomi confusi, onde e forze ed energie
Di lacrime e preghiere silenziose
Urlate al cielo senza fede più alcuna
Che la gente ascolta ancora, indifferente,
Le storie che raccontano la sera
Con il molo che gli affonda sotto i piedi…
Non è l’ora per i regali di Natale, ancora

(509) Poeta triste
0

La notte oscura le vetrate
che sono lenti per vedere te,
creatura viva e vitalizzante,
camminare libera in un gabbia.
E maledico la notte, perché nemica.



(508) Dinvisibili
0

I sospiri delle lucciole
Guardano al mondo con ironia
Perché hanno già veduto
E la luce e l'oscurità

(507) enrycadu
0
email

Sto tempo
la cosa principale
di ogni ora giornata minuto
È la vita
Tutti in fissa coi rifiuti
E poi nei bidoni
solo attimi finti
momenti sprecati
e sognati


(506) Giacomo
0
email


Poca è la luce,
di nebbia un manto,
sul colle del santo,
il tuo profilo mi seduce.

(505) T
0
email

Sto combattendo con tutte le mie forze contro questo male che mi attanaglia, in un momento sembra passato, eppure eccolo lì:
esso ti colpisce quando meno te lo aspetti, si infiltra nei tuoi pensieri, si infiltra nei tuoi tagli, stravolge la tua mente e, come non fosse passato un minuto, ha già piantato l'embrione del tuo odio, approfittando della rabbia e scavalcando il tuo buon senso.

Sto combattendo con tutte le mie forze, ci sto provando ma è dura; chissà se un essere umano potrà mai da solo attraversare la tempesta, i terremoti e le vertigini, rimanendo pur sempre il vigile dei propri pensieri.

(504) Uhuru
0

Quando ti parlo di libertà
Tu a cosa pensi?
Ad uno stato sociale
Ad un pensiero
Ad un'utopia frutto di immaginazione
Ad un'attitudine
Ad una condizione
Quando ti parlo di libertà
Tu come ti vedi?
Hai mai assaggiato il sapore della libertà in anni di lotta
La libertà si può comprare?
Pensi sia un oggetto da ottenere
O un bottino da conquistare?
Oh essere umano moderno e civilizzato
Che vivi nella comodità nel tuo mondo ovattato
Ti definisci libero ma libero da cosa?
Essere libero di usare acqua e luce a tuo volere
Essere libero di comprare quello che desideri?
Essere libero di esprimere il tuo pensiero
Bella la tua libertà ma stai molto attento a non superare i tuoi confini.
E tu donna occidentale dalle mille libertà
Tu si che sei veramente libera
Di lavorare come gli uomini
Di truccarti e prenderti cura della tua estetica
Di mostrare il tuo corpo a tutti
Di non indossare veli
ma stai molto attenta a non superare i tuoi confini.
Sei libero dal tuo lavoro? Pensi di essere libero non lavorando?
Sei libero dal soldo? Pensi di essere libero tu che possiedi ogni ricchezza?
Pensi di essere libero di scegliere la tua vita nella fitta ragnatela del destino?
Quante volte continuerai ad inseguire i riflessi dei frammenti del grande specchio?
Quante libertà dovrai inseguire prima della Libertà?

(503) Martina Minguzzi
0
url  email

Nelle giornate grigie, quelli con i corvi sugli alberi,

sono lì che guardo da lontano,

una finestra di vetro un po’ appannata,

il sorriso disegnato in viso come un clown,

il cuore come un orologio dai mille rintocchi,

il corpo come le foglie al vento : tremante,

E poi scende una lacrima,

una goccia di pioggia un torrente impetuoso un lago e la quiete,

una sconosciuta noia di vivere

(502) MA
0

in silenzio

i nostri cuori hanno parlato benissimo

(501) Jules
0

Lì siede la notte dei miei affanni.
I soli si alternano ad altri soli
Senza lasciarmi riposare.

(500) Jorg
0
email

Mai il fiore chiede acqua
il silenzio accompagna il suo ingiallirsi
e lenti intorno seguono d'erba
fili , così io taccio
e così il mio cuore urla
nel nulla, il nulla risponde

(499) Moni Que
0
email

FRAMMENTI D'AUTUNNO

battiti cardiaci che si sovrappongono
creano ritmi inconfondibili
colonne sonore di notti astrali
dove il suo corpo si plasma col mio

sperando che l'attimo abbia tempo indeterminato
archivio ogni bacio
come riserva nei tempi di carestia
come un frammento dal valore
incommensurabile


(498) R.M
0

se mai riusciro vorrei farti capire che:
forti e duri sono gli alberi ombrosi finché sono sdradicati dal vento che solo piega i deboli steli dei fiori,
che le api non hanno la ferocia del leone, ma il loro costante lavoro fa miele dorato dal dolce sapore,
che le spine del riccio,
non precludono alle sue carni tenere
che il sorriso di una persona timida e insicura vale piu di mille dichiarazioni di fedelta e amore di altre più spavalde,
che dai diamanti,per quanto belli, non fiorisce niente, dal fango la vita
che negli scrigni ci vanno i cristalli non i mattoni
che se non dai bere al tuo germoglio questi morirà
che non devi mutare perché ti senti debole
che e meglio tu rimanga così
molle,fragile,bella



(497) Giulia
0

Avrei voluto
Sfiorarti la mano
E dirti che mi sbagliavo
Che non devo andare via
Ho fretta
Portami con te
Tutto può aspettare
Perdonami il disturbo

Avrei voluto
Riaverti l'ultima volta
Si è fatto tardi
Ma nessuno mi aspetta a casa

(496) Simone
0

La crudeltà ed il menefreghismo dell'Essere viziato. Prima o poi questa giostra si ferma.
Ma intanto gira che ti fa solo bene.
Non pensare. Gira.

Il sacrificio non ti è compagno di vita.
L' altruismo lo hai smarrito in una notte.
Le bugie ti fanno gola.
La falsità la indossi.




(495) Dinvisibili
0

Rifletti
Accartocciato, rifletti
Rivolto verso un muro
O spezzato da un amante prezioso
Mentre si consumano le finte piante
Cui hai dato troppe cure.
Troppo stanco per voltare all'incrocio,
Aspetti davvero la mia combinazione?
Quella che chiunque potrebbe scrivere?
I miei vecchi diari sono bianchi
Della neve del Soratte
E ormai mi emoziona
Solo la mia stanchezza...
Possiedo solo questi piedi,
Ma tu, almeno, la cenere la puoi soffiare via

(494) T
0

Fra nubi e nubi di fitti pensieri cosa è che emerge e non soffoca?
Una semplice pura linea infinita che non porta con se' niente.

(493) Jorg
0
email

Pace solo
nell'assente tempesta.
Amore solo
su scomode foglie.
Pianto solo
per le mie secche radici.
Mi chiedo.
Mi chiedo.
Che fiori riempiono
il tuo labirinto?