Libro degli ospiti


 Nome *
 Indirizzo Email
 Sito Web
 Testo *
* Obbligatorio

Misura Antispam
Per inserire un nuovo messaggio è indispensabile trascrivere il codice di sicurezza, rispettando la combinazione (lettere e numeri).
3 + 5=

(3052)
(2652) A.B
0

Sii chiara

Sarà capitato anche a te di cercare negli altri qualcosa di me.
Sarà capitato anche a te di pensarmi la notte prima di andare a dormire.
E sarà capitato anche a te di volermi a tal punto da farti mancare l'aria.
E allora ti dico sii chiara, con la C maiuscola perché del resto del mondo non me ne faccio nulla.
Sii chiara con la C maiuscola perché non c'è nessun altro nome che vorrei sentire al mio risveglio.
Sii chiara con la C maiuscola perché con la minuscola voglio solo il futuro.
Quello che vedevo con te.

(2651) Joe Vanotti
0
url 

Mi riconosci ho le scarpe piene di passi
La faccia piena di schiaffi
Il cuore pieno di battiti
E gli occhi
Pieni di te.

Mormora. La gente mormora. Falla tacere praticando l'allegria.

(2650) Joe Vanotti
0
url 

E non ci credere
Quando ti dicono
Che sei speciale

(2649) Giorgia
0
email

Mi sono sempre sentita da sola anche in mezzo alla gente.
Ma ora,
Con te,
Non mi sono mai sentita più viva.

(2648) Luigi mucciaccia.
0

Ma se posso aggiungere tantissime cifre a sx della virgola per arrivare ad aleph_0
Posso aggiungere tantissime cifre a dx della virgola per raggiungere omegh_0 ?

(2647) Gg mucciaccia.
0

Quanti numeri razionali ci sono tra 0 e 1?

io dico aleph_zero
e il vuoto me li riempiono tutti gli irrazionali
così ottengo il continuo

Tu dici infiniti
Nessun vuoto da colmare ma quanti paradossi hai creato con infinito?

io non ti amo infinitivamente
perché l'infinito crea troppi paradossi
ma ad ognuno che dirà un numero molto molto grande io risponderò più 1 e sarà sempre il max
fino a quando non arriverà dopo di me un altro che dirà più uno
ed io:
"+1".

(2646) Vally
0

È per colpa di una sottile linea bianca,
Che succedono le peggiori cose?

O é per colpa della nostra cecità?

Ci vantiamo di vedere,
E poi non vediamo neanche chi davvero ci ama


(2645) Gabri
0

Quello che per noi è un errore, o un delirio, o un'allucinazione,
per qualcun'altro è la giusta soluzione, è normale, è reale.
Ma come conciliare
Le cose?
Con un civile ragionamento attorno ad una tavola rotonda un po' come nel regno di Artù?
Senza perire ma solo ferire? anche se l'errore è dimostrato 300 o più anni fa?
Questa è pura utopia!
L'errore rimarrà la giusta soluzione e la giusta soluzione delirante sarà l'errore.


(2644) Veronica
0
email

Tu sei come la Rinazina Spray,
Mi decongestioni dalla tristezza
Che non mi permette di respirare

(2643) Spike S.
0

Il problema più grande
non ti appartiene.
Illegittimo soffrire.
La tua volontà,
spada di polvere contro il vento,
è un misero nascondiglio.
Denti stretti bloccano l'aria
e soffochi ostinato
quel labile tormento
che vive nello specchio
che brucia di silenzi.
Hai pensato di tutto
e non hai detto niente
Se sei libero di parlare
sei zittito dal rumore
non è lecito imporre
con arroganza
ciò che provi a negarti
Ascolta chi
ha qualcosa da dire
ti deve rimproverare
consigliare
umiliare
ma non deve mai
mai
sentirti urlare.

(2642) Spike S.
0

Di giudizi sommari
son fatti i nostri occhi
e di disprezzo è carico
il nostro respiro
Nulla meglio di noi
nulla più perfetto
del nostro pensiero
Il buio cede
a mezzogiorno
sulla tua pelle,
di più non puoi sapere:
è un obbligo sbagliare
e sentirsi sbagliati.
Nascosti, preziosi,
gli orrori della mente
figli delle nuove Moire,
compagni del sonno
Culla di aghi pungenti
fuoco per le viscere
La rabbia mi nutre
e mi inebria nel dolore
dolce quanto l'affetto
di cui neghi il bisogno.
Di più non puoi sapere,
niente di più perfetto
dell'errore.

(2641) -S.
0
url 

Ho scritto una poesia per te
Ma non questa, un’altra
Non me la ricordo più
Era bella c’era uno che sapeva recitare e l’ha recitata
Era bella perché
Quasi solo immaginata e adesso,
Adesso non c’è più
Ho scritto una poesia per te ma eri distratto
Pensavi solo alle sigarette, al caffè,
Ai consigli dell' amica sulla barba,
Che poi è bella uguale (anche quando non ce l'hai), come tutte le altre cose
Che quando te lo dico dici sempre
Ma va là
Ho scritto una poesia per te
Andiamo fuori a prendere qualcosa?
C’è sempre questa cosa di andare fuori a mangiare assieme
Io con te non mangerei nulla perdo l’appetito
E pure il fiato
E rimango sospesa, appesa ad un lampione
Come un diavolo, un coglione
A recicchiare una poesia piena di rime stupide
Ma più bella di questa perchè un po’ come te
L’ho quasi
Solo pensata
E non è facile
Non è facile ricordarsi le cose
Con tutte queste macchine che passano
Che confusione
Hai freddo
Metti un maglione
Tu sei in divieto di sosta
Io sono in rimozione
Ricordo un freddo improvviso e pochissime parole
Dov’è che avrò parcheggiato il tuo nome?
E non è semplice,
Non è semplice
Farsi ricordare
Con un bicchiere già vuoto
Ed una poesia ancora da dimenticare
Via, via, via dal divieto di sosta
Che anch’io scappo via dalla rimozione
Che c’era una musica, una poesia, una pizza, un colpo
tra tutte le persone c’eri anche tu!
Ho scritto una poesia per te
Che di sicuro stavi guardando un film
Che non mi piacciono I film
E poi mi faccio I film
Su te che guardi I film
Che non mi piacciono
E vabè
Ho scritto una poesia per te
Hai bucato le tasche, son cadute le parole
Per prenderle su ho camminato
All’indietro nei versi
Fino a tornare dov’eri tu
Che non c’eri già da un po’
Te per poesia una scritto ho
Ho scritto una poesia per te
È un eterno appuntamento in stazione
Con il caldo che picchia
E un occhiale da sole
E I tuoi occhi lontani dal rumore di una poesia più bella
Molto, più bella di così
Che non ricordo,
Non ricordo più che bella cosa
Che era e che è
Quando io sto in silenzio finalmente
O quando la musica sei tu
E non è facile
Non è mica facile, no
Ricordarsi le cose
Con tutte queste cazzo di macchine che passano
E il freddo, la confusione
Tengo pure il tuo accendino che ho perso, non importa
Tu sei in divieto di sosta
Io sono in rimozione
Questo freddo improvviso
E poche, poche, poche parole
Dov’è che avrò parcheggiato il tuo nome?
E non è semplice
Non è semplice
Farsi ricordare
Con un bicchiere già vuoto
E una poesia ancora da dimenticare
Via, via, via dal divieto di sosta
Che anch’io scappo via dalla rimozione
Che qui c’è una musica, una poesia, un panzerotto fritto, un colpo
Tra tutte le persone
Ci sei anche tu.

(2640) Ninco
0

Che poi non ho mai capito perché
il nostro cuore può pulsare
e l'universo deve per forza solo espandersi.

(2639) Charles Bukowski
0

Non ho smesso di pensarti,
vorrei tanto dirtelo.
Vorrei scriverti che mi piacerebbe tornare,
che mi manchi
e che ti penso.
Ma non ti cerco.
Non ti scrivo neppure ciao.
Non so come stai.
E mi manca saperlo.
Hai progetti?
Hai sorriso oggi?
Cos’hai sognato?
Esci?
Dove vai?
Hai dei sogni?
Hai mangiato?
Mi piacerebbe riuscire a cercarti.
Ma non ne ho la forza.
E neanche tu ne hai.
Ed allora restiamo ad aspettarci invano.
E pensiamoci.
E ricordami.
E ricordati che ti penso,
che non lo sai ma ti vivo ogni giorno,
che scrivo di te.
E ricordati che cercare e pensare son due cose diverse.
Ed io ti penso
e ti cerco.

(2638) Povia
0
url 

Cosa?

(2637) Povia
0
url 

Quali persone le danno più fastidio?

(2636) Assunta Fichera
0
email

Tu metti il punto
io le virgole, il segno sul nostro tempo
(parentesi)

divarichiamo il cielo per raggiungere
le ultime gocce d'azzurro-ossigeno
fra sorrisi duri come l'acciaio

due rette parallele

ma niente è vero
se non questo incedere disperato
in cerca di cosa
(mi chiedo)

abbiamo sperperato sotto sparse stelle,
abbiamo nutrito i vivi.



(2635) Assunta Fichera
0
email

Tu metti il punto
io le virgole, il segno sul nostro tempo
(parentesi)

divarichiamo il cielo per raggiungere
le ultime gocce d'azzurro-ossigeno
fra sorrisi duri come l'acciaio

due rette parallele

ma niente è vero
se non questo incedere disperato
in cerca di cosa
(mi chiedo)

abbiamo sperperato sotto sparse stelle,
abbiamo nutrito i vivi.



(2634) Lss
0
url 

La felicità non è una truffa
e non me la sono mica inventata oggi che non c'è.

(2633) Adriano
0
url 

Nel sogno la baciai.