Libro degli ospiti


 Nome *
 Indirizzo Email
 Sito Web
 Testo *
* Obbligatorio

Misura Antispam
Per inserire un nuovo messaggio è indispensabile trascrivere il codice di sicurezza, rispettando la combinazione (lettere e numeri).
2 + 2=

(3052)
(2512) Noemi
0
url 

Vorrei stringerti forte e dirti che non è niente.

(2511) efG
0

Oggi la persona che non mi ha mai sopportato sembra che mi abbia chiesto una tregua, per parlarmi ha fatto le scale che non percorre mai e mentre tracciavo quella specie di spirale mi quasi urla "Lei ha (bla bla bla)" ed io "Sì perché lei (bla bla bla)" e niente alla fine dopo 2 anni da quel compitino, le ho chiesto se davvero esiste una soluzione, l'unico ex che ho chiesto in tutta la mia carriera accademica a qualcuno, l'unico di cui veramente me ne frega qualcosa, e nonostante la risposta affermativa di un anno e mezzo fa con tanto di spiegazione, chiarissima come una notte di novilunio, della soluzione, ho ricevuto un'altra risposta affermativa, però, per me, l'ex rimane ancora una richiesta impossibile.
Vorrei parlarne ma preferisco mantenere le distanze.

(2510) E
0

Eri come l'orizzonte
ma a Milano manca il mare.
Ti basta un treno per sparire
e una maschera per ritornare.

(2509) P
0

Vorrei perdermi di nuovo
tra gli abeti che riempiono
i tuoi occhi;
sapere se nei tristi giorni di pioggia, qualcun altro
è in grado di riportare il sole.
Ho visto di nuovo i soffioni
nel tuo giardino
quelli ancora interi e quelli che
dopo aver visto il tramonto con te
hai trasformato in desideri.
Questo foglio è il mio soffione,
Il mio unico desiderio
è che anche tu ogni tanto
ti ricordi dell'autunno
dei miei occhi,
dopo tutto questo tempo.

(2508) Alice
0

Fragile blu vetro
Si spezza sotto la pietra
Sbriciola
Il tempo, non ha forma vero
Ma intanto ti lascia cecarti
Nel buio dei pensieri

(2507) sfuggevole
0
email

Accade che
Inseguendomi
Mi perdo
E ti perdo.
Mi arrampico
Ti vedo
Mi perdo.
E proprio quando ti ho lontano,
Rieccoti.
La tua voce,
I tuoi sospiri,
Le tue menzogne.
Rieccoti.
Ma io mi perdo,
Ti trovo
E mi perdo.

(2506) G
0

Come ogni volta
ma unico come sempre

(2505) Retermist
0

C'è al mondo una certa felicità
Noncurante della fine e allucinata;
E stupenda in ciascuna sua parte,
Incanto dolce nato in un mondo di morte.

Poesia dell'occhio varicolore;
Vedi il mondo dietro il nostro mondo,
E se non c'è null'altro vedi il nulla
E le figure cieche che lo popolano.

Infinita è la strada davanti, ma tu
(Mille bicchieri berremo stasera, tu solo
Tu trova fra morte la vita.)
Tu trova fra tutta la morte la vita



C'è al mondo una certa felicità
Che il sole ha perso in una notte.
Lei è sottile come il ghiaccio dei monti,
Riposa sotto l'armonia di tre ruscelli


(2504) M.
0

Ti penso
Ci penso
Mi penso.

(2503) M.
0

Gocce d’acqua salata
e dentro ci sei tu

(mortacci tua)

(2502) hhh
0

Un eterno tormento,
come uno sciame di api infinite,
ma non è la tinnite.

È come un peso
che le gambe rende fastidiose,
ma non sono le vene varicose.

Mi deconcentra in continuazione,
giorni, mesi, anni, di disperazione,
eppure quando ti vedo
non ho alcuna preoccupazione.

Che si tratti di amore?
Ma come posso saperlo riconoscere,
io che come se fossi cieco sento la pioggia,
ma non ho mai visto piovere.

So solo che parte di me non riesce a starti lontano,
perciò vorrei riuscire a prendere il mio cuore in mano,
così che la prossima volta
quando ci salutiamo,
tu possa portarlo via con te.

È solo un grosso peso per me,
conosce unicamente il tuo di nome,
e nonostante abbia cercato di spiegarglielo più volte,
non vuole capire che tra di noi non ci sarà mai niente.

Quindi prendilo per favore,
anche se non conoscerà mai il sapore delle tue labbra,
almeno potrà godere della tua felicità,
aiutandoti a trovare il vero amore.

(2501) E
0

Ogni giorno vorrei solo girarmi  e trovarti lì per un abbraccio di quelli che non serve dire nulla e ci si dice tutto sfiorandosi i capelli.
Tu per me sei la cioccolata, il letto con le lenzuola pulite, sei i mandarini ad ottobre, le fragole ad aprile, sei la domenica senza sveglia, sei un tramonto con le nuvole colorate, sei il parcheggio trovato all'ora di punta, sei un treno preso per i capelli, sei l'ultima pagina di un libro, sei un sorriso allo specchio, sei il respiro profondo che si fa quando si torna a casa.

(2500) Leonardo B.
0

R.30

Davanti a me,
L’infinito Futuro,
Che si afferma giorno in giorno nella mia Vita.
Dietro di me,
L’immobile Passato,
Che lotta,
Ogni istante più intensamente,
Per non dissolversi,
Nell’immensità dei miei pensieri.
Nel mezzo,
Tra il Passato ed il Futuro,
Tra l’Ordine ed il Caos,
Ci sono io.

(2499) Ax
0

Come in quel film
se ti fossi chiamata Marti alla tua domanda "preferisci zara o il mare?" io ho risposto "mare" ma avrei aggiunto "preferisco amarti" anzi solo "marti" ma va bene lo stesso.

(2498) Martina
0
email

Libro

Potevamo essere il più bello dei finali,
Ma abbiamo scelto di essere solo un capitolo,
Chiuso.

(2497) E
0

Ho fatto una fila infinita davanti al tuo cuore, neanche fosse il padiglione del Giappone.

(2496) Absolute
0

Volevo guardare le stelle
Anche se
Non si vedono bene.
Nel bosco si vedono bene.
Vorrei essere in un bosco
in questo momento
E anche i sorsi
Dei limoni
Diventerebbero più dolci.
Un altro sospiro
E ingoia
Le tue trecce sfatte
Prima che la notte
Ingoi te.
E ora che faccio?
Dura troppo poco
Tutto questo.
Vorrei ballare
Ma giù ci sono
I dirigenti che combattono
E i miei sfoghi farebbero
Davvero troppo rumore
In questo silenzio arretrato.
Poi ancora il bicchiere.
Manca poco.
E qualcuno ringhia ancora
E vuole carezze
E cibo secco
Ma è tardi.
Bevo l’ultimo sorso
Scolato
Scivolato
E via di filato
Non mi deve vedere nessuno
Non mi deve sentire nessuno
Da buona ladra qualificata
quale sono
Evitando
Il taccheggio nei negozi
Che è un po’ troppo
Fuori luogo per me
Che sono già tanto
Fuori-Luogo.
Tutto appannato.
E finisce così.
31/10/18 01:28


(2495) O.πß
0

Gentilissime signore della giuria mi potete anche condannare ma io non mi pentirò mai di come mi sono comportato con Lei.
Ogni mio comportamento è stato solo una conseguenza dei suoi modi di fare: le sue movenze, la sua affabilità, il suo modo di parlare, lo stare in silenzio, il suo sorriso sguaiato, il modo in cui mi fissava, il modo in cui mi evitava; suscitava in me emozioni mai provate così intensamente, eppure il mio muro sentimentale è così alto e spesso... e Lei lo ha demolito senza sforzo alcuno. Potrei mettermi, in un angolino, zitto zitto, lassù in galleria... ma a chi gioverebbe?
Ha notato che mi sono segnata assente alle sue lezioni di vita per un anno intero?
Non credo... con così tanti ragazzi che la vogliono, io non sono di certo l'unico o il primo, è bastato guardare su yahoo per averne la conferma, sono solo uno dei tanti di passaggio. Cosa può darmi Lei? Niente, non ha niente da darmi e a chiunque chiedessi se potesse esistere una relazione tra di noi, passerei sempre io per quello cattivo che vuole approfittarne, allora perché ostinarsi in questo modo a pensarla? Vi starete chiedendo. Non lo so, perché forse anche lei mi ama? No,
gentilissime signore della giuria, no davvero, scusatemi, il mio è solo il disturbo erotomanico dei miei disturbi deliranti.

(2494) Aaron
0
email

E solo se capisco
che il mondo è un obelisco
mi rassegno a questo male
brutale
fatale
letale

(2493) Ludovica
0
email

Soltando camminando
mi accorgo che guardando
scopro te
immenso di perché.