Libro degli ospiti


 Nome *
 Indirizzo Email
 Sito Web
 Testo *
* Obbligatorio

Misura Antispam
Per inserire un nuovo messaggio è indispensabile trascrivere il codice di sicurezza, rispettando la combinazione (lettere e numeri).
8 + 3=

(3052)
(2352) Emmanuele
0

Regalo il mio mondo
Solo perché
Tu ti accorga di me.

(2351) Dalia
0

Ora è tempo di ballare
di battere il tempo con il piede libero,
Di amare e di odiare,
Di essere vanitosi
questo è il tempo:
di distruggere Cartagine
Di rileggere Sanguineti
Di ascoltare i grilli
transgenici, con le nostre
Anime robotiche rivolte alla notte
ecco qual è il tempo:
Il tempo di una curva
Di un avvallamento
dei leptoni, dei quarks
E dei bosoni di Gauge
te lo assicuro, è il tempo:
In questo tempo noi
Lasceremo alle spalle l'ignavia
L'indole indolenzita d'inerzia
Conosceremo, noi! vivi!
coi folletti delle foreste
E le anguane indomite
vivremo il tempo
Nervoso di fattori di crescita
coltiveremo nelle anse ristagnanti
I primi numeri di Germain,
Il regno amletico di Sweyn,
La nascita di Hafrún, immemore,
I pacifici disastri di Treboniano.
Il tempo...
Parole, suoni e lessemi
Che scioriniamo come scemi
Poter dire senza costrutto
Egualmente e il bello e il brutto
Senza critica né sinapsi
Soddisfatti, pigri e sazi
A leggere la morte altrui
La sofferenza, gli anni bui
Lontani
Leggeri
Indifferenti,
Solo dita
Menti intasate di superfluità
Ecco la vita
E perché il mondo si eclisserà.

(2350) Alice Bertini
0
email

Chiara.

Sei il mio treno di Belluca e la mia luna di Ciaula

(2349) Noemi Mazzocchi
0
email

Un grido nel bosco.
Poi il silenzio.
Dentro di me
tutto esplode
in mille pezzi.

(2348) Alice
0

Anche se avessi avuto
un altro giorno, un'altra possibilità,
sarei rimasta immobile
nelle mie sbagliate convinzioni.

(2347) Federica
0
email

tu non sai
come mi scomponi il cuore
e ne riesumi
le geometrie elementari.

(2346) Federica
0
email

se al tramonto il mare
s'agita sempre un po'
è per la paura di non rivedere il sole
se al tramonto il sole
si spegne sempre un po'
è per la paura di morire ancora
ma l'astro bastardo
bacia eternamente le onde
in una promessa d'alba perpetua.

(2345) Me
0

Ci siamo consumati
velocemente
come l'energia di un fulmine.
Possenti
abbiamo attraversato il cielo
per arrivare a terra
e dissiparci.

(2344) Me
0

Sono arida.
Non cresce niente in me,
i sogni non sbocciano,
le stelle non brillano
e le nuvole non lasciano cadere la pioggia.
Sono un granello di sabbia
che mai più sarà montagna.
La terra continuerà il suo giro
anche senza di me.

(2343) Rabin Vittorio Samidon
0
url  email

Sono organi in rigetto
I versi che incido con il bisturi sulla mia scabra carne

(2342) Rabin Vittorio Samidon
0
url  email

Merda, i poeti scrivono merda
Sperando possa concimare i sentimenti
Delle anime altrui

(2341) Rabin Vittorio Samidon
0
email

Sono i versi di un uomo che grida nel deserto
Quelli che scrivo con cuore pesante e amareggiato
Le nostre parole si perdono nel vento
E non ci sono più vele in grado di catturarlo.
Così mi perdo in ciò che sono
Finché non rimarrà null'altro che aria.

(2340) Noemi Mazzocchi
0
email

Dormi.
Ti svegli.
Non vuoi aprire gli occhi.
Inizia tutto così
all'improvviso.
(UN NOME, UN COGNOME.)
Apri gli occhi.
Ti guardi intorno
ed è lo stesso posto di sempre.
Eppure qualcosa è cambiato.
Tu.
(TUTTO CIÒ CHE SONO.)
Ti alzi.
Provi difficoltà a mantenere l'equilibrio
a prestare attenzione.
Ti senti soffocare nelle parole che senti rivolte a te.
Non riconosci tutto ciò;
tristezza, solitudine.
Ti sembra tutto assolutamente normale,
ma è tutto fottutamente sbagliato.
(TUTTO CIÒ CHE SARÒ.)
Dormi.
Non ti svegli.
Non apri gli occhi.
Finisce tutto così
all'improvviso.

(2339) Illa
0
email

Lasci
Ogni volta che suoni
Pezzi di te nelle note
Per chi ascolta da cogliere.

Così lo scrittore nasconde parti di sè
Tra le lettere stampate
E ogni volta che leggi queste riempiono vuoti che non credevi di avere.

Ti regalo un libro
Per restituirti tutti i pezzi
Che tu volontariamente hai dimenticato
E che io segretamente ho rubato
Dalle corde della tua chitarra

(2338) Noemi Mazzocchi
0
email

Questa va a te.
Va a te
che sei
incredibile,
forte,
coraggiosa.
Va a te
sorprendentemente bella,
inevitabilmente triste.
Va a te
e a nessun altro.
Perché, dici?
Perché tu sei
ogni cosa,
sei tutto
e niente
allo stesso tempo.
Sei un uragano,
sei il mare,
sei l'universo.
Non sono in grado
di amare nessuno
in modo maturo
ed equilibrato.
Eppure, potrebbe nascere un fiore da questo mio amore per te.

(2337) Emma
0

Vorrei solo
che quell'agognata carezza
giungesse
Avida
Tremante
Con un sospiro strozzato
di sollievo





(2336) Noemi Mazzocchi
0
email

Conto le cicatrici.
Le accarezzo,
le bacio,
le apprezzo.
-
Conto le cicatrici.
Mi sono persa
nei miei pensieri
di nuovo.
-
Conto le cicatrici.
Non sono capace
a ritrovarmi
mai.
-
Conto le cicatrici.
Le riconto.
Lo faccio per tante volte.
-
Conto le cicatrici.
Diamine!
Non riesco.
-
Non conto più le cicatrici.
Non sono tutte visibili
e perdo il numero.
-
Non conto più le cicatrici.
Urlo,
piango.
Non mi sfogo.
-
Non conto più le cicatrici.
Ho il caos dentro.
Non riesco a concentrarmi.
-
Non conto più.
O forse sì,
forse sto ancora contando.

(2335) Marco Mori
0

Grandi!

(2334) Marco Mori
0
email

Grandi!

(2333) Me
0

Grigio il cielo,
grigio il mio cuore
tessuto necrotico
privo d'amore.