Libro degli ospiti


 Nome *
 Indirizzo Email
 Sito Web
 Testo *
* Obbligatorio

Misura Antispam
Per inserire un nuovo messaggio è indispensabile trascrivere il codice di sicurezza, rispettando la combinazione (lettere e numeri).
6 + 5=

(3052)
(2112) mar.
0

Piombato nella mia vita all'improvviso
Uno squarcio di luce.
Cuore nero che accende il sole
Congela le fiamme
Illumina la notte.
Cuore nero che spegne la luna
Infuoca la neve
Spegne il giorno.
Cuore nero, il tuo.
Batte quando poggia su una rosa
Una bocca, la mia.


(2111) Nena
0

Guarda fuori dalla tua finestra
cosa vedi?
Un cielo di cenere
Che sparge cristalli purissimi

Guarda il vetro
chi vedi?
La tua faccia dura
I capelli un po' più corti

Guardo fuori dalla mia finestra
E vedo
La tua

(2110) M.E.
0
email

Si ubriaca di beatitudine
aggrappandosi a quel piacere
come il neonato affamato
al seno madre.

Si inietta frivolezze
e le mescola al sangue
come il diabetico l'insulina
per tenersi in vita.

Fa sì che sia il godimento
a guidare la sua vita
come il cane fa strada
al suo padrone cieco.

La sua dose giornaliera
basta a farlo sopravvivere
come a un tossicodipendente.

Tuttavia è a fine giornata
che inizia l'astinenza
e ogni sera si sente
sempre un po' più solo.

Promette a se stesso
che quella sarà l'ultima volta,
ma ogni mattina si arma
alla ricerca della sua dose di piacere.

(2109) Sara
0

GAMBE
Ho trovato
I miei dubbi
Tra le pieghe
Della tua schiena
Nuda
Debole
Incurvata
Senza storie da raccontare
Ho perso
Le mie certezze
Tra le tue gambe
Strette
Sgocciolanti
Ansiose
Le ho perse
Sono rimaste
Nascoste tra le tue cosce
Esposte
Senza pietà
al mondo intero.

(2108) Sara
0

NUDITÀ

mi sembra
Di tornare indietro
Sui tuoi passi
E di riviverti
Dalla fine
All'inizio
Quando ci troviamo
Nudi
Spogli di noi
Vestiti di mani
Sudore
La pelle
Scorre sotto le dita
Lacrime
Che grondano
Sesso
Paura

(2107) Retermist
0

Dolce come collina e riva in fiore
E sabbia silenziosa, o tempesta sulle foglie
Larghe, linee piegate del fico,
Occhi e mani dove non ne abbiamo
Sottili, e morbido amore:
Cos'è l'uomo in confronto alla vita?


(2106) Aurora
0

Ho bevuto così tanto da dimenticare il mio nome, ma non il tuo.

(2105) Harry
0

I could be staring
at somebody new
stuck in my head
is a picture of you.

(Mika)

(2104) madhatterbellatrix
0

Lasciami andare
Ti prego, lasciami andare.
Non vedi che questo amore mi sta consumando?
Ch sono adesso?
Sono ancora io, ma dilaniata dal dolore.
Sei la mia prigione, vivo rinchiusa tra le tue pareti: Cosa pensi? Cosa dici? Cosa fai? Chi ami?
Dammi quella chiave e lasciami fuggire dal carcere emotivo, libera il mio cuore e il mio corpo dal desiderare te.
Non posso dimenticare il tuo abbraccio, che chiamo casa;
non posso dimenticare il nostro ultimo bacio, che chiamo felicità.
Sono seduta in un angolo, cercando di essere invisibile:
non voglio disturbare il tuo nuovo fiore, che però sta appassendo.
Te ne accorgerai da solo, ma così soffrirai il meno possibile.
Ti lascio,
perché io ti amo,
ma tu mi stai uccidendo.

(2103) Pensiero
0

Non è bello pensare,ti fa sentire solo.
Il solo che pensa quando non è vero.
Ciascuno si crede migliore degli altri,
quando pensa si rende conto di non esserlo,
e si sente migliore per essersene accorto.
Vorrei pensare senza essere affranto.
Vorrei l'oblio.
Vorrei una persona accanto

(2102) RetermistMimnermo
0

Ma quale vita, e che gioia
Senza Afrodite dorata?
Possa esser morto, se certo
Più non mi piacciano questi;
L'innamorarsi nascosto
Ed i doni di miele ed il letto:
Che sono fiori rapaci di giovani
Agli uomini, a tutte le donne.
Ma quando giunge, insieme al dolore,
Vecchiaia che rende a ugual modo
L'uomo poi brutto e sprezzato,
Pensieri gli affollano sempre la mente
Malvagi, e non gode dei raggi del sole,
Ma odioso è ai ragazzi, alle donne
Spregevole: tanto sofferta
Stabilì un dio la vecchiaia.


(2101) Retermist
0

La mia rabbia contro i miei nemici
Si spanderà come onda d'acqua azzurra:
E la vedremo nei sorrisi della gente la
Prossima volta, mi sbaglio? La verità vincente
Il mondo capovolto, ci hanno tolto
Il cuore: noi lo riprenderemo. Sempre temo
Ma mai perdo, perché io ed io e io solo
Sono me stesso, ed unico io solo.
Tu vedi il nemico che corre veloce:
È vero è vero; però intanto io volo.


(2100) Retermist
0

Un giorno quando avrò già perso tutto
Siederò sotto un sasso, con la neve
Che mi cade negli occhi. Passando
Per la strada stretta in un mantello bianco,
La gente forse riderà di me e del lento
Mio parlare, dei miei costumi strani.
Amare le facce loro, sciocche avide
Mi (si) chiederanno perché io perda tempo:
E io sorriderò alle loro risa;
E loro avranno perso, e io avrò vinto


(2099) Retermist
0

Ricordo la neve di marzo e gli spiriti leggeri
Che abitano l'aria e le correnti,
E chiesi a lei di prendermi la mano
Solcata dai suoi venti, mi ricordo
E domandai al volto suo nel bianco
Di nuovi viaggi e pace. Lei mi tace
E parla il vento un sibilo lontano:
Però io t'amo, neve corallina,
Tu mare d'inverno congelato,
Viso di vetro; io ti ho sempre amato.


(2098) Phy
0

Non disperare,
si può sempre
Ricominciare.

(2097) Alice
0

Ho scelto con cura le parole da non dire.
Ho tolto tutto quello che non é essenziale, tutto quello che fa paura, tutto quello che non é sincero, tutto quello che non é vero, tutto quello che non importa, tutto quello che non conta, tutto quello che può essere frainteso, conteso, dimenticato, perso.


(2096) Giorgia
0

Sono rimasti solo il silenzio e la speranza in questi giorni
freddi e bui.

(2095) ø
0

È il cielo d'Islanda, abbagliato da Aurora,
il senso di appartenenza che fiorisce in me,
mentre passo le dita tra ciocche di fuoco e
mi perdo nel verde arido puntellato di spighe gialle
che sostiene e ricambia il mio sguardo.
È magma quello nel mio petto, che brucia e ribolle, consumandomi,
sbuffante e inquieto,
quando le carni collidono e si intrecciano sinuose in una danza ancestrale.
È il cielo d'Islanda, bianco, vuoto e incombente
quando te ne vai, ed io ancora bramo le costellazioni di nei sulla tua schiena.

(2094) DJ
0

Mi hai ammaccato il cuore.
Questo scontro di macchine non ha portato a gravi danni. Ha portato in me solo l'intollerabile brama di rivivere quel impatto cosi cruciale che mi ha ammaccato si il cuore, ma facendolo ripartire.

(2093) Andrea
0

Se un giorno prendessi un treno sbagliato e ti incontrassi?
Il cuore non cesserebbe più di battere all'impazzata.