Non credo sia bella quella casa in collina,
dove tutto si vede,
e tutto è distante.

A me pare che il mondo sia meglio da presso,
confuso, com’è,
e volubile al tatto.

Maestro,
io penso sia meglio guardare negli occhi.
E chiuderli anche,
quando è giusto che sia.