Si riparte dal dolore
con occhi guardinghi
in anfratti bui e spaventosi

Si procede
raccogliendo i frammenti
assemblandoli
a gemme preziose e sconosciute

Si conclude col sollievo
di non temere
anche l’angolo più nero