Torture

Svanisci nel nulla,
ti diradi veloce come fumo
ma non smetti mai
di torturare la mia mente.

Sei un’abile giocatrice
di un gioco che non capisco
inutile combattere contro di te
la partita è già tua.

Resto in silenzio,
ti guardo giocare per provare
a prevedere la tua prossima mossa
e batterti.

Ma inesorabilmente fallisco
hai vinto tu
gioco, partita, incontro.