Firenze

È sette mesi che provo ad amarti.

È sette mesi che mi rifiuti.

È sette mesi che ti rincorro e mi blocchi.

La verità è che non ti amo,

tu non mi ami, non ci amiamo.

Allora che senso ha?

Perché provarci ancora?

Lasciamoci, ti prego, lasciamoci.

Lasciami andare, fammi scappare.

 

Stanotte, sai, ho sognato un’altra.

Era bellissima.

Ero bellissima io con lei.

 

Sorridevo mentre camminavo sui ponti,

le luci riflesse nell’acqua,

i passanti, i mendicanti, i negozi aperti,

la vita dietro…

ed ero felice, con lei, ero felice.

 

E adesso che faccio?

Ti lascio e vado da lei?

O continuo a cercare di amarti?

E se poi lei non mi ama come nei sogni?

Se la realtà è tutta illusione?

 

Che faccio? Ti prego, dimmi che fare!

 

Sarà che i suoi cieli cupi e coperti

mi metterebbero forse più allegria di te.

Sarà che il tuo caldo asfissiante,

la tua umidità permanente,

il tuo sole bollente,

non riscaldano per niente.

 

Scusami, ti prego, scusami,

la realtà è che ti amo,

tu mi ami, noi ci amiamo,

ma non ci apparteniamo.

 

E allora,

lasciami sognare le altre…

Stanotte l’ho sognata,

stanotte, Milano, ti ho sognata,

ti ho sognata e mi sono innamorata.

 

22-03-17