Ti ho tolto la gioia immemore del mio dolore,

rimbalzo ripetuto senza storia,

ri-calcolo non ben fondato.

 

Ti ho tolto la mia finestra cieca;

ora accendo subitaneo lo specchio del tuo tempo.