Delle mie mani io vedo

il tempo nuovo e vecchio,

figure morte di parole

che porgo ancora piano.

Le ombre e il peso di ora

corrono sulle tue dita

a consolare le mie.

Piccoli luoghi restano

e spente luci al mattino.

T’alzi lieve; prepari il silenzio.