E’ il fragore del tempo che passa,
della notte che si attarda
sull’ accesa finestra
che m’acceca dentro
le umide ossa.
E il vento s’accoppia al sonno,
trapassa